Sfida a 5 Stelle: per la Regione Corrado contro la Lombardi

Sfida a Cinque Stelle per l’assalto a Nicola Zingaretti. Non c’è solo il deputato Roberta Lombardi (leggi qui) a voler contendere il governo della Regione Lazio al presidente uscente. All’interno del Movimento 5 Stelle avanza la propria candidatura anche l’onorevole Valentina Corrado, strenua avversaria di Mauro Buschini in Commissione Bilancio e presidente del Comitato Regionale di Controllo Contabile, l’organismo che fa le pulci ai conti dei Consiglieri.

 

La voce che ha preso a circolare tra i corridoi vuoti della Pisana nei giorni di agosto è diventata concreta alla riapertura dell’attività in Regione. In queste ore il consigliere Valentina Corrado, ha ufficializzato la sua decisione di concorrere alle primarie con cui il MoVimento individuerà il candidato governatore del Lazio.

 

In un Partito normale, la decisione di Valentina Corrado avrebbe un significato politico ben preciso. Rappresenterebbe la volontà di mandare un chiaro segnale politico a Roberta Lombardi, avversaria acerrima di Virginia Raggi all’interno del M5S. Le due non si sono mai piaciute. In molti hanno visto la mossa di candidare la deputata come una risposta interna del MoVimento ad una giunta comunale di Roma che non ha portato alcuna delle rivoluzioni promesse.

Nelle scorse settimane c’era stata la manovra tattica di Roberta Lombardi che aveva recuperato il rapporto con Luigi Di Maio (leggi qui) proprio per spianarsi la strada di Roma verso l’assalto a Nicola Zingaretti.

La risposta dell’ala Raggi potrebbe essere la decisione di schierare Valentina Corrado contro Roberta Lombardi e portare la sfida all’interno delle primarie M5S la sfida per la candidatura.

La presidente del CoReCoCo nega che la chiave di lettura sia questa. «Voglio semplicemente mettere a disposizione la mia esperienza, le cose che ho appreso in questi anni in consiglio regionale ma anche nel gruppo M5S di Pomezia che collabora con il sindaco Fucci».

A Mauro Evangelisti de Il Messaggero in queste ore ha detto

Beh, lo scontro tra la Lombardi e la Corrado sarà nei fatti. E visto che sono due nomi forti, potrebbe accrescere le divisioni nel Movimento.
«Ma non è così, io con Roberta Lombardi ho un buon rapporto, ho anche collaborato con lei in passato. Alla fine, chiunque sarà scelto, opererà con una squadra, con un lavoro di gruppo. Per questo non ha senso parlare di conflittualità o divisioni all’interno del Movimento 5 Stelle».

Comunque sia, sarà una sfida a Cinque Stelle.

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright