Tajani conferma Forza Italia all’opposizione «Ma crediamo nel centrodestra»

Il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani parla del ruolo di Forza Italia in Parlamento. "Siamo all'opposizione ma crediamo nel centrodestra". La sua visione sul futuro del problema migranti: "Entro il 2050 in Africa 2,5 miliardi di abitanti. Agire ora".

Forza Italia sarà all’opposizione. Voterà i punti che erano parte del programma del centrodestra. Non altri. Lo ha detto a chiare lettere Antonio Tajani, presidente del Parlamento Europeo, fa rispondendo alle domande dei giornalisti a margine dell’assemblea di Federchimica. Precisando che «Forza Italia rimarrà fedele all’impegno preso con gli elettori».

Per quanto riguarda la coalizione invece Tajani ha sottolineato che i Partiti che la compongono stanno «andando insieme in tutti i Comuni dove si vota il giorno 10, quindi continuiamo a credere ciecamente nel centrodestra. Ci auguriamo che anche le altre forze che fanno parte del centrodestra ci credano come noi».

LA QUESTIONE MIGRANTI

Sulla questione migranti, Matteo Salvini ha cambiato tono. Dopo avere dato un’occhiata ai dossier riservati ha elogiato il suo predecessore Marco Minniti: «Ha fatto un discreto lavoro». Il New York Times titola «Governo schifoso, ma è sulla strada giusta». Con il giusto tasso di diplomazia, Antonio Tajani sintetizza: «Il cambio di passo è indispensabile perché la Ue per troppo tempo ha lasciato l`Italia e la Grecia da sole, ora bisogna fare di più».

Il presidente del Parlamento Europeo, interpellato sulla questione ha evidenziato che «Il Parlamento ha proposto una riforma del diritto di asilo che va nella direzione delle richieste dell`Italia». L’augurio è che il Consiglio «faccia in fretta e adotti una decisione che vada nell`interesse complessivo dell`Italia, della Grecia e dei Paesi del sud, che si sono caricati dell`enormità di un fenomeno senza avere troppo sostegno dagli altri».

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini annuncia che «A Lussemburgo voteremo no a documento ministri Ue». Antonio Tajani intanto si augura che «i ministri del nuovo governo siano presenti in Lussemburgo per far ascoltare la voce autorevole e importante dell`Italia. Oggi c`è il consiglio di giustizia e affari interni. Speriamo che l`Italia faccia ascoltare la sua vie anche lì. Non basta farla ascoltare sui giornali e sulle tv italiane. Mi auguro che ci sia una inversione di marcia con un Governo che sia presente con i propri rappresentanti nelle sedi dove si discute il destino dell`Europa e dove si devono tutelare gli interessi nazionali».

 

RIMANDARE A CASA I CLANDESTINI

«Bisogna rimandare a casa, come dice sempre l`Unione europea, tutti coloro che sono immigrati clandestini» ha sottolineato Tajani. Il presidente Ue poi ha posto l’accento su fatto che «bisogna avere una organizzazione per farlo». C’è poi il tema del futuro: cosa accadrà domani. Le stime sono chiare e dicono che entro il 2050 in Africa ci saranno 2,5 miliardi di abitanti. Antonio Tajani avverte: «Se non si lavora oggi con accordi internazionali e investimenti, il fenomeno immigrazione sarà sempre più grave».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright