Pilozzi alle Regionali ed il gioco degli incastri (di C.Trento)

Corrado Trento

Ciociaria Editoriale Oggi

 

CORRADO TRENTO
Ciociaria Oggi

 

 

Senza un attimo di tregua. Sarà un autunno fitto di appuntamenti ed impegni per il Pd provinciale, tra conferenza programmatica e congressi dei circoli. Ma il piatto forte rimane quello delle candidature a Camera, Senato e Regione. Se poi il presidente Nicola Zingaretti decidesse di giocarsi la carta delle elezioni anticipate alla Pisana, allora si comincerebbe a “ correre” tra due settimane. Forse pure meno.

 

Candidature e manovre
Da qualche giorno, tra le altre, circola un’indiscrezione: Nazzareno Pilozzi in campo per le regionali. L’ ipotesi non trova conferme ufficiali, ma il fatto stesso che se ne parli è indicativo. Perché gli spazi sono intasati dappertutto. In ogni caso però, essendo deputato uscente, Nazzareno Pilozzi punta alla conferma alla Camera.

La partita degli incastri, comunque, si deve ancora aprire. Francesco Scalia e Maria Spilabotte cercano il bis a Palazzo Madama, mentre Francesco De Angelis sta lavorando per una designazione eleggibile alla Camera.

Ma c’ è anche un altro scenario: De Angelis potrebbe tornare europarlamentare, essendo il primo dei non eletti nella circoscrizione. Questo perché alcuni deputati europei (a partire da Simona Bonafé) saranno in campo per Montecitorio e Palazzo Madama.

Alla Regione invece il discorso è più complesso. Con l’ attuale legge in provincia di Frosinone ci saranno quattro candidati. E sarà mantenuto il listino. Gli uscenti sono due: l’ assessore Mauro Buschini e il consigliere Marino Fardelli. Poi dovranno essere indicate due donne: Barbara Di Rollo è in pole e circola anche il nome di Barbara Caparrelli.

Ma il nodo da sciogliere è quello relativo alla casella maschile. Perché ad una designazione potrebbe ambire il presidente della Provincia e sindaco di Ferentino Antonio Pompeo e il segretario Simone Costanzo. I due, anzi, starebbero elaborando delle strategie comuni, con tanto di alleanze all’ interno del partito.

Pompeo, come Marino Fardelli, fa parte dell’ area di Scalia, mentre Costanzo è della componente del senatore Bruno Astorre. Una eventuale convergenza potrebbe anche rappresentare una sorta di laboratorio in vista dei futuri equilibri interni al partito. La rottura dell’ asse tra De Angelis e Costanzo potrebbe portare quest’ ultimo a cercare un dialogo diverso con Francesco Scalia.

In un contesto del genere l’ eventuale candidatura alle regionali di Nazzareno Pilozzi potrebbe sparigliare le carte.

 

I congressi e la conferenza

Tra il 10 e il 22 ottobre si celebreranno i congressi di ben 57 circoli territoriali del Pd. Voteranno gli iscritti, compresi quelli che avranno preso la tessera del 2017 entro il prossimo 25 settembre. E siccome le strategie già impazzano, in diversi sono già alle prese con liste e calcolatrici.

Domenica 24 settembre, invece, una delegazione del Pd provinciale sarà presente alla festa nazionale ad Imola. Sarà quella l’ occasione per capire bene le strategie di Matteo Renzi. Subito dopo verrà fissata la data della Conferenza programmatica provinciale. Da quel momento in poi si comincerà a “ sgomitare” per le candidature.

Ad un posto blindato puntano in quattro: Francesco Scalia, Maria Spilabotte, Nazzareno Pilozzi e Francesco De Angelis.

Al momento però, con l’ Italicum corretto dalla Corte Costituzionale, la designazione blindata c’ è soltanto alla Camera. Anche se l’ idea è quella di uniformare il Consultellum del Senato alla dimensione dei collegi provinciali per Montecitorio.

 

La tela di Costanzo

Il segretario provinciale sta ripetendo un concetto da settimane: “Dobbiamo essere inclusivi nelle candidature, coinvolgendo tutti, anche quelli che non saranno eletti. Non dobbiamo commettere gli errori della volta scorsa”.

Il riferimento probabilmente è al fatto che alle regionali nel 2013 tra i candidati c’ erano anche Giuseppe Moretti e Aldo Antonetti, i quali negli anni successivi non sono stati coinvolti nel Partito. Ma la presa di posizione di Costanzo significa che il segretario intende giocarsi tutte le carte per una candidatura importante.

O con un sistema di alleanze o con la logica delle componenti.l

 

§

 

SCARICA DA QUI LA APP PER TUTTI I SERVIZI DI CIOCIARIA OGGI

Ciociaria Oggi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright