E’ la stampa, bellezza (i titoli di giovedì 29 VI 2017)

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina giovedì 29 giugno 2017 e anticipati da Alessioporcu.it

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

I rifiuti di Roma non passano
L’assemblea dei sindaci della Saf approva un documento che blocca il trattamento a fine dicembre. Ok al bilancio, Mauro Vicano ottiene il mandato bis. Nel nuovo cda Marco Di Torrice e Daniela Mancinelli

SINOSSI
Un no secco ai rifiuti provenienti da altri territori. Ma anche un concreto impegno a non proseguire e rinnovare i contratti di servizio in essere in scadenza al 31 dicembre. Sollecitati anche investimenti sull’impianto di Colfelice per renderlo funzionale rispetto al trattamento di raccolta differenziata nei comuni dell’Ato di Frosinone. In più, tali direttive andranno a derogare il contratto di servizio di conferimento dei rifiuti solidi urbani sottoscritto dai sindaci e il presidente della Saf si dovrà impegnare, nell’arco dei prossimi sei mesi, a sottoporre all’assemblea dei soci un nuovo contratto di servizio in deroga al precedente, anche per i comuni che già lo hanno sottoscritto.

 

Muore travolta dal pullman
Cronaca. Terribile schianto tra San Pietro Infine e San Vittore: moglie e marito cadono da uno scooter a causa della pioggia Lui finisce nel fosso, lei sulla carreggiata. Passa un bus e la travolge: per Graziella Miele di Cervaro non c’è stato nulla da fare

SINOSSI
La pioggia ha reso la strada viscida e impraticabile. Al resto ci ha pensato la sorte, che ha deciso di dividere per sempre la vita di Graziella e di suo marito, entrambi sullo scooter: lui finito nella cunetta, lei travolta da un pullman. Senza scampo. Una tragedia senza fine quella che ieri ha straziato la comunità di Cervaro dove Graziella Miele, cinquantenne italo-francese, impiegata nella segreteria della scuola elementare della cittadina, era molto conosciuta. L’impatto con l’asfalto dello scooter su cui viaggiava Graziella e suo marito, ferroviere, è stato tremendo. Ancor più quello del pullman che sembrerebbe non abbia potuto evitare l’impatto.

 

Altro che focoso, l’amante era violento

Frosinone. Un cinquantenne sposato è stato rinviato a giudizio con le accuse di stalking e lesioni gravissime. Vittima una donna di quarant’anni con cui ha avuto una relazione: lo ha denunciato dopo anni di botte e minacce

 

Infermiera killer per vendetta

Cronaca. La procura di Isernia chiude il cerchio sull’inchiesta aperta per Celestino Valentino. E arresta Anna Minchella. La donna, nata a Cassino, lavorava in Molise. Per gli inquirenti il delitto era diretto a colpire la figlia della vittima

 

In giunta le spine delle “quote rosa” da nominare

Frosinone.

 

Computer bloccati per colpa degli hacker

Weber Saint-Gobain A rischio per il virus Petya anche il sito di Aquino

 

Frosinone su Dezi. Bardi: ci siamo

Calcio Riflettori sul centrocampista, al Perugia nell’ultima stagione

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Dario Facci)

Muore schiacciata dal bus
San Pietro Infine. La 52enne di Cervaro Graziella Miele è deceduta sulla Casilina. La poveretta viaggiava sullo scooterone condotto dal marito che è rimasto illeso

SINOSSI
Tragedia ieri sera a San Pietro Infine. Una donna, Graziella Miele del 1965 di Cervaro, è morta finendo contro un autobus. Uno schianto che non ha lasciato scampo alla donna. La vittima viaggiava come passeggera sullo scooter che era condotto dal marito il quale, fortunatamente, è finito nella cunetta laterale. Nulla da fare per la poveretta investita dal bus. Traffico a lungo bloccato sulla Casilina per consentire i rilievi.

 

Stop all’immondizia da Roma
L’assemblea Saf conferma Vicano ma boccia il contratto

 

Arrestata l’infermiera “Lady Morte”

Avrebbe somministrato soda caustica a un degente dell’ospedale di Venafro

 

Prima il sesso poi deruba la prostituta

Nel pomeriggio un uomo ha seguito la donna a casa

 

Bancomat svuotato rubati duemila euro. Denunciate tre persone

Paliano.

 

Il Frosinone cambia pelle e cerca rinforzi

Diverse le novità rispetto allo scorso anno

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

È di Cassino l’infermiera killer
Stupore e incredulità tra i parenti di Anna Minchella, 45 anni, arrestata per omicidio volontario. È accusata di aver somministrato dell’acido, con una siringa, ad un anziano

SINOSSI
Stupore e incredulità, a Cassino, dove è nata 45 anni fa Anna Minchella, l’infermiera killer
arrestata a Venafro. «Il movente che ha armato la mano di Anna Minchella è stata la vendetta». Lo ha detto il Procuratore Paolo Albano in conferenza stampa. «Poche ore prime dell’orrendo crimine, l’infermiera aveva incontrato Rosa Valentino, la figlia della vittima anche lei infermiera. Avevano
parlato degli imminenti trasferimenti degli infermieri, disposti dall’Azienda Sanitaria, dall’ospedale di Venafro (Isernia) a quello di Isernia. E Anna Minchella aveva, così, appreso che Rosa Valentino non era stata trasferita da Venafro a Isernia usufruendo della Legge 104 per la patologia del padre.Da qui il delitto d’impeto». Come dire: se la «104» ti protegge, ci penso io ad eliminare la «copertura » che ti assicura questa legge.

 

Saf, la vittoria dei sindaci: stop ai rifiuti romani

Non passa la linea di Vicano, dal 2018 solo i Comuni ciociari potranno conferire nell’impianto. Il caso: assemblea vietata a stampa e comitati

 

La sorella di Emanuele: «Vasco, donagli un applauso»< /strong>

Melissa Morganti, sorella del giovane massacrato di botte fino alla morte ad Alatri esattamente tre mesi fa, chiede aiuto a Vasco Rossi, idolo di Emanuele, per riportare i riflettori sul suo caso e per esaudire, comunque, il desiderio del fratello minore con il quale avrebbe dovuto assistere al prossimo concerto per i quarant’anni di carriera del cantautore emiliano.

 

Madre indiana morta pochi giorni fa, ieri ricoverati i tre figli

Due medici indagati mentre ieri il paese si è mobilitato dopo la notizia dei tre piccoli finiti in ospedale: uno è grave

 

Ora Dezi è nel mirino del Frosinone/strong>

Per il Frosinone è saltato fuori ilnomedi Jacopo Dezi rientrato al Napoli dopo il prestito al Perugia. Dezi potrebbe arrivare in Ciociaria in caso di partenza di Kragl

 

 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

A nove anni uccisa dal morbillo
Il decesso è avvenuto per complicazioni respiratorie. Sono 50 i ricoveri dall ’inizio dell’anno all’ospedale Goretti. La piccola non era vaccinata, è deceduta al Bambino Gesù lo scorso aprile. Ricciardi: «Avrebbe potuto salvarsi»

SINOSSI
Il morbillo ha fatto una vittima a Latina, una bimba di nove anni morta a Roma dopo il ricovero presso l’ospedale Bambino Gesù. Il decesso, provocato da un’insufficienza respiratoria, risale al 28 aprile, ma solo ieri il caso è stato inserito nel registro di sorveglianza dell’Istituto superiore di Sanità. La bambina presentava una malattia cronica di base, quindi con rischi maggiori di contrarre forme gravi di morbillo, ma i genitori avevano deciso di non vaccinarla. In caso contrario, secondo i medici, sarebbe potuta salvarsi. Solo nell’ospedale Goretti del capoluogo, dove la bimba non era passata, si sono registrati cinquanta ricoveri dall’inizio
dell’anno, dei quali la metà giudicati casi delicati.

 

La prof muore nel frontale

Aprilia. Incidente in via Selciatella, la vittima è la 53enne Aurora Giuseppa Scopelliti. L’architetto era vice preside dell’Istituto “Rosselli”, ferita gravemente l’altra conducente

 

Stalker a oltranza, scatta l’arresto

Sezze. La misura cautelare eseguita dai carabinieri. L’uomo aveva affittato un appartamento vicino alla casa coniugale. Un 42enne perseguita l’ex moglie anche dopo l’allontanamento del tribunale. Il gip dispone i domiciliari

 

Ampliamento ok. La Top Volley giocherà al PalaBianchini

Superlega. Esilio scongiurato: il palazzetto di via dei Mille avrà 2400 posti

 

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Non è qui la festa
Capitale allo sbando Oggi è la celebrazione dei santi patroni. Ma c’è poco da stare allegri. Tra degrado, giunta incapace, aziende in crisi e qualità della vita a picco la città è un inferno

 

Ombre sulla ditta produttrice controllata da Pechino. Quelle telecamere cinesi a guardia dei ministeri
Telecamere prodotte da un’azienda controllata dal governo cinese nei ministeri e nei tribunali italiani. È un caso il bando per la videosoerveglianza delle sedi della Pa assegnato da Consip a Fastweb, che userà le attrezzature di Hikvision, azienda già bandita dal governo Usa e messa nel mirino dalla stampa inglese per la poca affidabilità. Interrogazione in Parlamento della grillina Spessotto

 

 

il-giornale

IL GIORNALE
(direttore Alessandro Sallusti)

«Chiudiamo l’Italia»
Boom di sbarchi, ultimatum del governo alla Ue: «Aiutateci o blindiamo i porti». Ma Bruxelles ci offre soltanto l’elemosina

 

Il banchiere del crac si dà allo shopping
Zonin beccato tra le boutique chic di via Montenapoleone

 

 

La Verità
(direttore Maurizio Belpietro)

E’ partita la caccia a Renzi

Ex amici, sindaci, finanza: assedio al segretario che usa il partito solo per sé Ma lui non molla, proverà a far saltare il banco per votare. Tanto, paghiamo noi

 

Il Papa mena i sindacati: più lavoro, non politica
Bergoglio spiega alla Cisl perché gli iscritti scappano

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright