È la stampa, bellezza (i titoli di martedì 29 VIII 2017)

I titoli dei quotidiani locali in distribuzione nelle province di Frosinone e Latina martedì 29 agosto 2017 e anticipati da Alessioporcu.it

 

 

Ciociaria Oggi K2

CIOCIARIA EDITORIALE OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

BASTA
Inferno in terra. Esplodono bombe. Bruciano rifiuti

SINOSSI
L’inferno che sfiora il cielo: le fiamme a monte Cairo sono talmente alte e paurose che terrorizzano anche a distanza. Brucia la montagna “sacra” ai cassinati e crea un rischio frane che toglie il sonno. Ma la notte è insonne anche per l’aria irrespirabile. Ieri in fiamme anche l’ex mattatoio a Sant’Elia mentre a Viticuso i cittadini sfidano fuoco e bombe e si organizzano ogni giorno. Violento incendio a Morolo e fuoco pure sulle montagne di Guarcino mentre la Monna non smette di ardere.

 

Giovane trovato impiccato nel bosco

Casalattico. Il corpo senza vita di Nico Crenca, ventisette anni, rinvenuto a Monte Cicuto, nel territorio di Atina. Il ragazzo si era allontanato da casa nella giornata di domenica. Viveva con i nonni a Casalattico

 

Clienti fastidiosi, scatta il blitz

Cassino. I carabinieri controllano le case hot in centro dopo le segnalazioni dei condomini esasperati dal viavai Provvedimenti per una italiana e tre brasiliane che si prostituivano nelle mini-alcove. Denunciate tre rumene sullo stradone Fca

 

Ferrovie turistiche La Ciociaria rimane fuori

Frosinone

 

Senza stipendio da nove mesi. Di Meo all’attacco /

Vallerotonda.

 

Partenza sprint. Ma quella pausa non è piaciuta

Serie B. I canarini e la… sindrome da 1-0. Il tecnico ne parlerà con i suoi Oggi la ripresa. Con il Cittadella mancherà Dionisi: spazio a Citro

 

 

provincia-2

LA PROVINCIA
(direttore Dario Facci)

Nerone abita qui
Incendi. Richieste d’aiuto dalle popolazioni in balìa dei terroristi-piromani. Inferno tra le case. Zingaretti si è svegliato. Siamo sotto attacco. A fuoco Lepini, Ernici e Cassinate

SINOSSI
Bruciano i Lepini, gli Ernici e le montagne del Cassinate sono ormai un’immensa torcia. Le fiamme arrivano tra le case, le famiglie vengono evacuate. E’ un disastro senza precedenti e se nel resto del Lazio certo i piromani non scherzano qui in provincia di Frosinone ormai sono irrefrenabili e appiccano continui incendi. Questa storia va avanti da settimane e ieri, finalmente, il presidente della Regione si è fatto sentire ufficialmente.

 

Se a Roma s’abbassa la pressione

L’Editoriale di Cesidio Vanp * Notizie che ti provocano un’orchite (o, se proprio ci tenete, anche qui, alle pari opportunità: una vulvovaginite). Perché, dopo un’estate passata, in tutta la Ciociaria, in continua emergenza idrica, con una sessantina di Comuni sottoposti a drastiche turnazioni; con l’acqua che nelle case non arriva se non per qualche ora al giorno; con continue rotture improvvise delle condutture che l’acqua, magari, te la tolgono in quei 15 minuti in cui avrebbero riaperto l’erogazione, ti tocca leggere che a Roma, per l’abbassamento della pressione idrica nelle ore di notte, il ministro della Sanità chiede chiarimenti ad Acea. Tu, ciociaro, vivi lavandoti a secco da mesi. Poi vedi che a Roma (…)

 

Omicidio di Gloria, indagini serrate. Prelevati gli abiti della ragazza

Frosinone. I carabinieri di Frosinone hanno prelevato gli abiti che la sfortunata ragazza indossava nel momento in cui è stata aggredita. C’è la convinzione che l’omicida abbia comunque potuto lasciare delle tracce biologiche. Analisi anche sui tabulati telefonici e sulle celle che agganciano i cellulari nella zona dove si è verificata la brutale aggressione.

 

Lite furibonda tra stranieri. L’aggressore minaccia di far esplodere la casa

Sgurgola. Durante la baruffa spunta anche un coltello

 

La celebre oligominerale conquista il mercato della grande Russia

Fiuggi. Protagonista a Mosca. Intensificati i rapporti commerciali

 

Calcio. Frosinone attende la decisione del Giudice Sportivo su Federico Dionisi/

Col Cittadella spazio per Nicola Citro? Anche Danilo Soddimo dovrà saltare il match per squalifica. Salgono perciò le quotazioni del nuovo arrivato in casa giallazzurra
Volley. L’Argos regala un campo al quartiere Pontrinio. La schiacciata più bella

 

 

Messaggero K2

IL MESSAGGERO
(direttore Luciano D’Arpino)

Gloria, il cerchio si stringe
Sentiti, con grande cautela, i bambini della vittima che erano in auto con la madre prima che il corpo venisse trovato senza vita sulla Monti Lepini. Il giallo del bastone

SINOSSI
Forse saranno proprio i bambini di Gloria Pompili, la ragazza di 23 anni massacrata di botte e trovata senza vita sul ciglio della Monti Lepini, in territorio di Prossedi, a dare una sferzata alle indagini. Secondo alcune indiscrezioni trapelate sembra che il bambino più grande, quello di cinque anni, avrebbe raccontato agli investigatori di aver visto chi ha picchiato la madre fino al punto di non farla respirare più. Si tratterebbe di una persona molto conosciuta nell’ambito familiare. Gli inquirenti che si sono avvalsi anche dell’aiuto di psicologi infantili.

 

Camera di commercio, entro Natale la fusione

Il comunicato è stato diffuso ieri alle 16,15. Ma più che per l’oggetto (gli incendi) questo comunicato ha un’importanza particolare: per la prima volta è firmato dalle Camere di Commercio di Frosinone e Latina (insieme) ed è siglato (contestualmente) sia dal presidente di Frosinone (Marcello Pigliacelli) che dal commissario di Latina (Mauro Zappia). Dunque, è il primo, tangibile, passo che porterà, entro Natale, alla fusione delle due Camere di Commercio.

 

Allarme miasmi. Ora i Comuni fanno squadra

Patrica. Riunito il tavolo chiesto dal sindaco Fiordalisio. Presto un protocollo per svolgere un’indagine

 

Incendi: danni, esplosioni e paura

Vasto rogo sui monti di Morolo, minacciata la passeggiata di Sant’Antonio. Il sindaco: «È doloso, grave forma di inciviltà». Fiamme anche su monte Cairo tra Cassino e Terelle: distrutta la pineta realizzata dopo la guerra e saltati in aria reperti bellici

 

Case a luci rosse, blitz in centro. Indagini sui locatori

Cassino. Scoperto appartamento del piacere, c’era anche un cliente. I proprietari ora rischiano denuncia per favoreggiamento

 

Frosinone, tocca a Citro

Bomber Dionisi sarà squalificato, contro il Cittadella spazio al nuovo arrivato.
Mistero a Cantalice. Rogo negli spogliatoi, arriva bomber Dionisi

 
 

Latina Oggi K2

LATINA OGGI
(direttore Alessandro Panigutti)

Nella cava una banda spregiudicata
Aprilia. Padre e figlio suggerivano agli autisti come comportarsi in caso di controlli: «Dite che trasportate terra». Le motivazioni del Riesame confermano le accuse sui Piattella: «Inquinavano senza scrupoli nonostante le indagini»

SINOSSI
Le motivazioni del Tribunale del Riesame confermano gran parte delle accuse nei confronti di Antonino Piattella e del figlio Riccardo, i gestori della discarica abusiva in via Corta. I due, per i quali è stata confermata la custodia cautelare in carcere, vengono ritenuti ai vertici di un sodalizio criminale spregiudicato, che ha continuato a far versare rifiuti nella ex cava di Aprilia incurante dell’ impatto sul territorio e delle verifiche delle forze dell’ ordine. Una tendenza a manipolare la realtà, manifestata dal suggerimento agli autisti di utilizzare formulari falsi e di affermare, in caso di controlli, di trasportare terra per evitare problemi.

 

Fiorucci chiede i domiciliari/

L’uomo che investì e uccise senza fermarsi Alessia Calvani da quattro anni è in carcere. Adesso punta alla messa alla prova, parola al Tribunale di Sorveglianza

 

Sulle tracce del Dna dell’assassino/

Giallo a Prossedi La donna è morta per le lesioni causate dalle botte: l’ipotesi è che l’aggressore possa aver lasciato delle prove. I carabinieri hanno sequestrato a Frosinone gli abiti indossati da Gloria Pompili la notte del pestaggio

 

 

Il Tempo K2

IL TEMPO
(direttore Gianmarco Chiocci)

Roma come Beirut
Una nostra cronista nella capitale del Libano ritrova gli stessi identici problemi della Città Eterna. E sul blog di Grillo escono reportage deliranti sul miracolo della giunta Raggi: leggete qua sotto

 

Niente acqua a chi abita ai piani alti
Per la siccità l’Acea sarà costretta a ridurre (di notte) la pressione nei rubinetti. Da settembre disagi nella Capitale

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright