Ferraguti: “Aprire la vertenza Frosinone Provincia e far ripartire i consumi”

di SILVIO FERRAGUTI *

Le eccellenze del chimico-farmaceutico e dell’aerospaziale, gli investimenti della Fca sullo stabilimento di Cassino. Ma anche una serie di novità annunciate dalla Regione Lazio. A cominciare dai 170 milioni di euro per le imprese. Attraverso una linea di credito messa a disposizione dalla Banca Europea per gli Investimenti e ai fondi di diversi istituti di credito.
Confermo quanto detto in precedenza: ci sono indubbiamente alcuni segnali positivi. Ma per evitare che si “perdano” dobbiamo avere il coraggio di dire che è fondamentale, necessario ed urgente aprire una Vertenza Frosinone Provincia. Vale a dire che bisogna fissare anche alcuni paletti concreti per agganciare la ripresa. Siccome come imprenditore sono abituato a rischiare in proprio, elenco una serie di priorità:
1) attivare davvero la bonifica della Valle del Sacco, dopo una corretta e funzionale perimetrazione delle aree che devono rientrare nel Sin, Sito di Interesse Nazionale. Senza questa operazione non potranno esserci nuovi investimenti nell’area nord e quelli che ci sono avrebbero forti difficoltà a continuare.

2) alleggerire il peso tributario locale sulle imprese. Mi riferisco alle tasse regionali ma pure ai tributi comunali, laddove è possibile. Sarebbe un segnale fondamentale.

3) velocizzare le procedure autorizzative e quindi alleggerire il peso opprimente della burocrazia.

4) prevedere un’apposita conferenza che si ponga come obiettivo quello del cambio di destinazione d’uso dei capannoni dismessi. Possono essere una risorsa se utilizzati diversamente.

5) prevedere nei bandi che si vanno a varare che le imprese o le società che si aggiudicano un determinato appalto impieghino persone residenti in provincia di Frosinone.

6) programmare l’utilizzo della banda larga e della fibra ottica come valore aggiunto per nuovi insediamenti industriali. Le reti di queste tecnologie si snodano lungo la dorsale autostradale. Vogliamo far “pesare” questo elemento?

7) migliorare le infrastrutture e la viabilità esistente.

8) far ripartire i consumi. Non ho la pretesa e neppure l’ambizione di mettere sul piatto ricette che dovrebbero avere una caratura nazionale. Ma qualcosa possiamo fare: alleggerendo il carico fiscale sulle imprese locali si invoglierebbero le stesse ad investire in processi occupazionali. Ridando ossigeno ad un’economia asfittica. Allo stesso modo un confronto tra il mondo delle imprese e il sistema bancario è urgente: avere “fiducia” spesso può salvare dal fallimento e dalla tentazione di chiudere l’attività.

C’è bisogno di dirlo ad alta voce: aprire una Vertenza Frosinone Provincia è il primo passo, obbligato, per mettere in campo una serie di azioni e di processi che rimettano in moto il nostro territorio. Non è importante chi assumerò l’iniziativa. E’ importante che tutti rispondano. E che si faccia presto.

* past president Federlazio

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright