Terranova: «Lunedì in campo per vincere» (di G.Lanzi)

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

 

di GIOVANNI LANZI
Giornalista epurato

 

 

I rimpianti del difensore del Frosinone: “Peccato per il mio colpo di testa, potevo fare gol”
Terranova: «Lunedì in campo per vincere»
Il pacchetto arretrato riacquista sicurezza: “Non abbiamo rischiato niente, nel finale non ci siamo sbilanciati”

 

 

E’ stato uno dei giganti della difesa. Emanuele Terranova è tornato a due passi da Sassuolo, in quel di Carpi, per cercare di aggiungere un tassello al ritorno in quella serie A che lo aveva visto sfortunato protagonista con la maglia dei neroverdi. «Abbiamo cercato di prenderci i tre punti – dice il centrale di difesa – e potevamo andare anche in vantaggio con il sottoscritto nel primo tempo ma non sono riuscito ad impattare bene il pallone. Comunque resta un ottimo pari anche perché non abbiamo rischiato niente. Lunedi ci attende una grande partita».

Che non vuol dire aspettare il Carpi, tutt’altro: «Il Frosinone deve giocare per vincere la partita, senza indugi. Si va in campo come se dovessimo conquistare tre punti per la classifica».

La lieta novella della serata di Carpi è una difesa tornata quella dei momenti migliori della stagione regolare. Matteo Ciofani, grazie ad una duttilità sicuramente migliore in questa fase di quella del pur ottimo Krajnc, ha permesso ai tre centrali di tenere bloccata la linea e non sbagliare un’entrata sulle diagonali, in modo particolare dalla parte sinistra del fronte d’attacco degli emiliani dove tentavano di infilavarsi a turno Di Gaudio e Letizia. «In difesa abbiamo rischiato poco e niente – ha chiuso Terranova – anche se è stata una gara giocata a viso aperto. Abbiamo però evitato di sbilanciarci e far prendere così il sopravvento agli avversari, eliminando i rischi».

 

 

 

Entra nella stanza di G.Lanzi con tutti i suoi articoli

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright