Salta la sfida Dionisi-Meret, Ventura chiama il portiere (di G.Lanzi)

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

di GIOVANNI LANZI
Giornalista senza carta

 

 

E’ già Spal-Frosinone, il bomber: “Floccari e Antenucci?
Bravi: Ma io e Daniel abbiamo un’intesa lunga anni…”
Salta la sfida Dionisi-Meret, Ventura chiama il portiere
Anche Russo si prende la ribalta: “Ho voglia di giocare e continuare a far bene”

 

FROSINONE – Si presenta davanti alle telecamere di Sky sorridente come un bambino, il pallone della partita tra le mani con tutte le firme dei compagni di squadra. Federico Dionisi è il re incontrastato della giornata numero 31. Tre gol tutti insieme (“per la prima volta in B e con la maglia del Frosinone”), quota 13 e terzo posto nello ‘score’ dei marcatori, secondo posto assoluto ritrovato dal suo Frosinone. “E’ stata una vittoria importantissima – esordisce l’attaccante di Rieti – e siamo contentissimi. E’ stata una partita affatto facile ma dopo il 2-0 siamo andati in scioltezza“. Inevitabile pensare alla sfida di domenica, Spal-Frosinone significa anche duello incrociato Ciofani-Dionisi contro Antenucci-Floccari: 23 gol i due canarini, 19 gli emiliani (con Floccari però alla Spal da gennaio). “Io e Daniel – dice Dionisi – ci conosciamo da anni, abbiamo una grande intesa. Loro sono forti…”. Ma noi non siamo da meno vorrebbe quasi dire e lo fa col sorriso.

Dionisi e l’attacco si caricano sulle spalle il Frosinone? Dallo studio di Sky lo incalzano: “A me le responsabilità fanno piacere e noi attaccanti sappiamo che abbiamo il compito di trascinare tutti. Cercando ci continuare a far bene fino alla fine”.

E’ collegato da Carpi il portiere della Spal, Meret. Convocato con la nazionale maggiore per gli impegni con Albania e Olanda. Contro il Frosinone spazio quindi a Marchegiani jr., il papà – ex portiere di Torino, Lazio e Nazionale – da studio quasi ringrazia per la convocazione di Meret che darà spazio al figlio. “Anche noi abbiamo Krajnc convocato con la nazionale slovena – dice Dionisi dopo un saluto con il portiere della Spal –. ma comunque è squalificato. Alla Spal però mancherà anche Bonifazi, lui è di Rieti come me”. Vedremo di chi sarà il vantaggio…

Dionisi è temibilissimo – risponde il portiere della Spal, scuola-Udinese – ma confido nei nostri difensori”. La sfida è partita con 8 giorni di anticipo su Sky.

La scena nella zona mista invece la ruba per la prima volta in questa stagione Adriano Russo. Mai una parola fuori posto. “Fa piacere giocare e pure giocare tanto ma se non accade allora l’importante è farsi trovare pronti”. Il modulo a tre non lo ha preso alla sprovvista: “A tre dietro avevo già giocato, durante le mie esperienze giovanili”.

Ma come si fa a restare sempre concentrati senza giocare mai? “Non è stato facile e comunque io non debbo dimostrare nulla. E’ chiaro che ho voglia di fare bene e di giocare”.

Una vittoria pesantissima: “Le vittorie sono sempre importantissime e ci fanno andare in trasferta debitamente caricati. E poi se vogliamo la partita di Ferrara non ha certo bisogno di motivazioni supplementari, è già carica di significato per noi”.

 

Foto: copyright Mario Salati, tutti i diritti riservati

Entra nella stanza di G.Lanzi con tutti i suoi articoli

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright