Renato Brunetta

La leadership azzoppata di Tajani e le manovre di Fazzone

In Forza Italia inizia la stagione delle prese di distanza. Mara Carfagna e Maria Stella Gelmini sconfessano la linea di Berlusconi sull’accordo con la Lega, Elio Vito continua a “martellare” le strategie di Tajani. E intanto nel Lazio Claudio Fazzone ha condotto il partito esattamente dove voleva lui

Zingaretti, Sileri, Brunetta: quelli che fecero l’impresa

Perché sono stati loro tre a caratterizzare politicamente la due giorni di Fiuggi. Dopo sedici mesi di pandemia e in Governo di salvezza nazionale il presidente della Regione Lazio, il sottosegretario alla salute e il ministro hanno dimostrato che questo è il momento della competenza e dei risultati. Senza steccati e senza confini.

Tutti gli uomini di Tajani per “marcare” Fratelli d’Italia

Il coordinatore nazionale degli “azzurri” ha nominato quattro capi dipartimento, tra i quali c’è il fedelissimo Alessandro Battilocchio. Nel Governo Forza Italia lavora bene con il Pd e nel centrodestra l’asse con la Lega mira a ridimensionare Giorgia Meloni. La battaglia politica è al Sud.

Per Tajani un problema chiamato Claudio Fazzone

Il neo coordinatore nazionale vorrebbe cambiare gli assetti nel Lazio, ma sa che l’ultima parola spetterebbe comunque a Silvio Berlusconi. E il senatore di Fondi ha già parlato con fedelissimi e truppe: non starà a guardare nel caso di attacchi e di manovre di commissariamento. In provincia di Frosinone tutti trattengono il fiato. La Lega di Durigon alla finestra.

Tajani coordinatore nazionale: comanda sempre Silvio

Silvio Berlusconi nomina Antonio Tajani coordinatore nazionale di Forza Italia. Un ‘ristoro’ per la mancata nomina a ministro. Che fino a due ore prima dello scioglimento della riserva era dato per certo. Chi comanda ora nel Partito: sempre e solo Berlusconi

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright