Fausto Bassetta, il sindaco che non fa sognare il Pd

Dicono che giovedì sera, durante la conferenza stampa di fine anno ad Anagni, non tutti fossero entusiasti delle parole del sindaco Fausto Bassetta.

Dicono che, attendato nelle retrovie, ci fosse un autorevole esponente del Pd cittadino piuttosto arrabbiato.

Piccolo, ma facilmente riconoscibile per i suoi capelli lunghi e bianchi. Che, a quanto pare, non avrebbe gradito le esternazioni del primo cittadino.

«Vorrei chiedere scusa ai cittadini per aver contribuito a far arrivare il sindaco dov’è ora», sembra siano state le sue parole a margine dell’incontro. Ne esistono altre vulgate: leggermente diverse nei termini, identiche nella sostanza.

Ma cosa imputerebbe il piccolo uomo con i capelli bianchi e lunghi al primo cittadino?

A quanto pare, soprattutto la tendenza a fare solo ordinaria amministrazione. «Ci vuole un sogno! Anagni ha bisogno di una visione!» sembra siano state le sue parole.

E per finire, una promessa: «Aspetto fino alle elezioni provinciali. Poi… tornerò a far sentire la mia voce”. Una parte l’ha interpretata come una promessa, altri la ritengono una benedizione per il dibattito politico cittadino, altri ancora la ritengono una una minaccia.

Ma, ovviamente, è solo un si dice…

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright