Blue Forum, atto secondo. A Gaeta i costituenti del mare

Presentata a Roma l'edizione numero due del Blue Forum. La prima è stata quella della consapevolezza. Questa è l'edizione dello scatto in avanti. Tre giorni con ministri, sottosegretari e Capi di Stato Maggiore. Per dire che il Mare è una risorsa ancora da sfruttare

Fabio Cortina

Alto, biondo, robusto, sOgni particolari: molti

La prima edizione è stata quella della consapevolezza, della presa di coscienza. Questo è l’anno dello scatto in avanti. Il Blue Forum, il secondo summit sull’economia del mare organizzato dalla Camera di Commercio Frosinone Latina, dall’azienda speciale Informare e da OsserMare, che si terrà a Gaeta dal 25 al 27 maggio, è stato presentato a Roma, all’interno del Tempio di Adriano. Presenti, tra gli altri, il Ministro per le politiche del mare, Nello Musumeci.  (Leggi qui Blue Forum, il X Rapporto: un mare che moltiplica e ridisegna i confini).

Il mare sia il cuore dell’Italia

Nello Musumeci e Giovanni Acampora

A fare gli onori di casa è stato il presidente dell’ente camerale del basso Lazio, Giovanni Acampora. Che contestualmente è anche numero uno di Assonautica e di SiCamera.

Lo aveva chiesto un anno fa Acampora: in Italia ci vuole un Ministero del Mare. Giorgia Meloni ha fatto tesoro di quel monito, ha dato una delega specifica all’ex Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci. Una visione estemporanea? No se anche Francesco Rocca in Regione Lazio ha assegnato una delega simile a Pasquale Ciacciarelli. Il segno di un rinnovato interesse verso l’economia blu.

Ma ora alle buone intenzioni vanno associati i fatti. “Il nostro obiettivo – ha spiegato Acampora – è quello di contribuire insieme alla costruzione della nuova strategia marittima dell’Italia ed imporre la leadership del nostro Paese nel contesto Europeo e Mediterraneo”. Per Acampora lo sfruttamento delle potenzialità del mare deve diventare il cuore della politica italiana e sarà questo il nucleo fondante della tre giorni che già lo scorso anno ha raccolto un interesse enorme. Con ministri, sottosegretari, assessori regionali ed ammiragli.

Un momento di incontro annuale che, oltre all’impegno della Camera di Commercio Frosinone Latina, vede la collaborazione di Unioncamere ed Assonautica. In quella sede ci sarà una occasione unica nell’intero panorama nazionale: l’incontro tra tutti gli stakeholders, pubblici e privati, che operano per e nell’economia del mare. In quei tre giorni ci saranno oltre 200 relatori, tra rappresentanti istituzionali della nostra nazione e dell’Europa, parlamentari e ministri, imprese, associazioni e mondo dell’Università e della Ricerca. Un panorama vasto quanto è grande di opportunità il nostro mare: una risorsa su cui la Camera di Commercio ha scelto di puntare forte sin dalla nascita dell’ente unitario tra le due province del sud Lazio.

Qui per iniziare il Piano del Mare

L’Italia dovrà dotarsi di un “Piano del Mare” ed il Blue Forum di Gaeta si pone l’obiettivo di essere il luogo in cui si inizierà a stilarlo e verranno posti i punti principali attorno a cui far nascere questo documento.

Ringrazio il Ministro Musumeci per il percorso che stiamo facendo insieme” ha detto Acampora che sottolinea come il Governo stia riconoscendo l’impegno che l’intero sistema camerale ed Assonautica stanno portando avanti per l’economia del mare.

Ed il Ministro non può che concordare con Acampora, sottolineando che l’Italia ha tutti i numeri per consolidare il suo ruolo di leader nel Mediterraneo. “Per ora il mio ministero – ha detto Musumeci – ha solo un ruolo di coordinamento e programmazione, ma nella prospettiva vorremmo che realizzasse anche funzioni gestionali”. Per il Ministro bisognerà mettere assieme i vari soggetti che formano l’economia del mare ed è proprio questo il senso di ciò che si svolgerà a Gaeta.

Questi soggetti – dice ancora Musumeci – non sempre dialogano e quando lo fanno il dialogo non sempre è proficuo: noi abbiamo la necessità di definire una strategia unitaria, perché abbiamo i numeri per essere leader”. La chiave sta nelle sinergie, soprattutto in quelle tra pubblico e privato e le Camere di Commercio sono la migliore sintesi di ciò. “Proprio in omaggio al sistema camerale – ha concluso Musumeci – ho voluto il presidente Acampora tra gli esperti che redigono il Piano del Mare”.

Programma Blue: ricco, anche di Ministri

Musumeci, Di Girolamo e Acampora

Il Blue Forum, in questa sua seconda edizione, ha ottenuto anche l’alto patrocinio del parlamento europeo, frutto del dialogo costante partito dalla prima edizione dello scorso anno. Un dialogo che è stato intessuto direttamente con la Presidente del Parlamento Europeo Roberta Metsola, incontrata nei mesi scorsi a Bruxelles.

La conferenza del Tempio di Adriano, moderata da Nunzia Di Girolamo, ha visto la partecipazione anche del presidente della Camera di Commercio di Roma Lorenzo Tagliavanti, del Segretario di Unioncamere Giuseppe Tripoli e del coordinatore di OsserMare Antonello Testa.

La giornata inaugurale del 25 maggio sarà dedicata alle istituzioni con l’obiettivo della realizzazione del Piano del Mare. Il 26 maggio invece sarà giornata di ascolto, con le “Blue Audition”, dove tutti i settori toccati dall’economia del mare porteranno il loro contributo. La giornata conclusiva sarà l’occasione per presentare l’undicesimo rapporto nazionale sull’economia del mare, realizzato dall’Istituto Tagliacarne e da OsserMare, con un breve talk di sintesi finale.

Nel programma della tre giorni ci sarà anche la settima Conferenza di Sistema di Assonautica, tre workshop e molti altri momenti di confronto su svariate tematiche. Presenti, che hanno già dato conferma, oltre al Ministro Musumeci, i colleghi Adolfo Urso e Daniela Santanchè, il vice Ministro Rixi ed il sottosegretario Rauti. L’apertura sarà affidata al Capo di Stato Maggiore della Marina, Enrico Credendino, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Luca Goretti ed il Comandante Generale delle Capitanerie di Porto Nicola Carlone.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright