Fca, un Tavolo di Informazione con la Regione per scongiurare la crisi bis

ELABORAZIONE: © ICHNUSAPAPERS

La Regione Lazio valuta la possibilità di istituire un tavolo di Informazione permanente con Fca. Il 2 luglio confronto con i sindacati sulla situazione di cassino Plant e dell'indotto

Un tavolo permanente. Intorno al quale sedersi una volta al mese e anche di più se dovesse essere necessario. Ma in grado di aggiornare in modo costante la Regione su ciò che accade nella rete di stabilimenti che fa capo alla galassia Fca – Fiat Chrysler Automobiles. Che è il principale polo metalmeccanico del Lazio con il suo stabilimento di Cassino Plant dal quale escono le Alfa Romeo del segmento Premium, Giulia e Stelvio. Un tavolo simile a quello attivo presso la Regione Piemonte e proposto dall’ex presidente della Regione Piemonte Sergio Chimparino.

Al progetto del Tavolo permanente di Informazione Reciproca sta lavorando Mauro Buschini, presidente del Consiglio Regionale del Lazio. Che ne parlerà il 2 luglio prossimo con i sindacati dei Metalmeccanici. Li ha convocati in Regione per fare il punto sulla situazione di Fca Cassino Plant.

L’incontro di martedì della prossima settimana fa compiere finalmente un salto istituzionale agli allarmi venuti da più parti e anche dai sindaci della Ciociaria. Hanno risposto la segreteria regionale Cisl Lazio, le segreterie provinciali di Cgil Frosinone e Latina, la Cisl di Frosinone, Fim CislFiom CgilUilm Uil di Frosinone e Latina.

«Pensiamo che un tavolo di informazione reciproca Regione – Fca sia utile per tenere aggiornata la Regione su quelle che sono le esigenze del principale polo metalmeccanico del Lazio, dal quale dipende una fetta considerevole del Pil provinciale di Frosinone e dell’export regionale». spiega il presidente Mauro Buschini

Quel tavolo, per il Presidente sarebbe «la naturale prosecuzione di quanto fatto alcuni anni fa con la Legge 46 per l’allora Indotto Fiat. Ricordo a me stesso che fu proprio la Regione Lazio, con l’allora assessore Francesco De Angelis, a realizzare quella norma. Grazie alla quale è stato possibile creare il Polo Logistico ed una serie di servizi. Che si sono poi rivelati fondamentali per superare la crisi di qualche anno fa».

L’automotive del Lazio è un sistema complesso ed articolato. Che ha il suo epicentro nella Fca Cassino Plant ma si ramifica in tutto il territorio della provincia di Frosinone. Fi all’estremità opposta: a Paliano c’è il centro logistico della Magneti Marelli. Nel mezzo una miriade di stabilimenti specializzati in produzione, fornitura, sub fornitura, con eccellenze di livello internazionale.

A preoccupare la Regione Lazio è la contrazione delle vendite: il mercato nazionale è in calo da otto mesi, molti indicatori sono tra i peggiori in Europa. «Una nuova possibile crisi – sostiene Mauro Buschinisarebbe devastante per l’area di Frosinone e tutta la regione Lazio».

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright