Il Frosinone sogna il colpo grosso contro il Venezia

Ferragosto in campo per i giallazzurri che a Ferrara sfideranno il Venezia nei trentaduesimi di finale del trofeo tricolore. Sarà la prova generale per il debutto in campionato di venerdì prossimo allo “Stirpe”

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Tutto cambia con i 3 punti ed una qualificazione ai sedicesimi di finale di Coppa Italia in palio. Sale l’adrenalina, cresce l’attesa, la pressione si fa sentire. I primi giudizi, i dubbi e le certezze. Ed inoltre a meno di una settimana dall’esordio in campionato contro il Parma la sfida del “Paolo Mazza” di Ferrara diventa una vera e propria prova generale. Insomma si fa sul serio. E’ calcio vero quello che in diretta tv sul canale 20 di Mediaset potranno ammirare i tifosi del Frosinone. Domenica sera alle 20.45 sarà un Ferragosto particolare con il debutto dei canarini in Coppa contro il Venezia, neo promosso in Serie A.

Per la formazione di Grosso un bel test dopo un precampionato in crescendo con la vittoria sulla Ternana ed il pari col Benevento. Al di là del risultato finale, servono conferme per arrivare così alla “prima” con fiducia e qualche certezza. (Leggi qui Frosinone sulla buona strada. Grosso applaude i progressi).

CONDIZIONE FISICA E MODULO

(Foto: Mario Salati)

La gara col Venezia dovrà saggiare innanzitutto la tenuta atletica della squadra giallazzurra. Un aspetto fondamentale in questo periodo della stagione. Un fattore che può addirittura fare la differenza.

Grosso inoltre potrà valutare in una partita vera e difficile i progressi della truppa dal punto di vista tattico. Il Frosinone infatti si è convertito al 4-3-3 dopo alcuni anni col 3-5-2. Le amichevoli hanno mostrato luci ed ombre come è normale che sia quando ci sono cambiamenti radicali. L’organico tra l’altro è stato profondamente rinnovato e svecchiato. Inseriti tanti giovani provenienti anche dalle serie inferiori e dall’Estero.

Negli ultimi giorni inoltre sono arrivati Canotto, Cotali e Garritano, svincolati dal Chievo e che regaleranno qualità ed esperienza. L’appuntamento di Coppa Italia quindi servirà per misurare la compattezza del gruppo e la sua consistenza sotto il profilo dell’agonismo. 

LA FORMAZIONE ANTI VENEZIA

Fabio Grosso

Grosso ha convocato 24 giocatori. Assenti gli infortunati Novakovich e Charpentier e lo squalificato Cotali.

Come detto il Frosinone giocherà con il 4-3-3. Tra i pali De Lucia dovrebbe vincere il ballottaggio con Ravaglia. In difesa pochi dubbi: Brighenti e Zampano saranno i terzini, Szyminski e Gatti i centrali. A centrocampo Rohden e Boloca agiranno da mezzali con Maiello in cabina di regia. In attacco il tecnico giallazzurro dovrebbe insistere su Ciano “falso nueve” mentre sulle fasce Tribuzzi e Canotto sono i candidati principali a giocare dal 1’. Per l’ex Chievo sarebbe il debutto dal 1’ dopo lo scampolo giocato contro il Benevento. Garritano invece è destinato alla panchina e probabilmente potrebbe entrare a partita in corso.

ZANETTI ALZA LA TENSIONE 

Anche per il Venezia sarà la prova generale in vista del debutto in campionato fissato per domenica 22 contro il Napoli. I lagunari sono ancora un cantiere aperto anche se in attacco s’affideranno ancora al trio della Serie B Aramu-Forte-Johnsen.

Il tecnico Paolo Zanetti lancerà in difesa il neo acquisto Caldara mentre affiderà le chiavi del centrocampo al play israeliano Peretz, ingaggiato dal Maccabi Tel Avi e che ha ben impressionato nel precampionato. Sempre 4-3-3 il progetto tattico.

Paolo Zanetti

Finalmente torniamo a giocare una gara ufficiale, abbiamo bisogno di sentire la pressione – ha detto Zanetti in conferenza stampa – Il nostro obiettivo ora è passare il turno di Coppa Italia”.

Zanetti predica umiltà e teme il Frosinone. “Tra noi e loro ad oggi c’è solo la differenza di categoria – aggiunge il tecnico dei veneti – Solo pochi mesi fa giocavamo contro il Frosinone in Serie B ed anzi, quella ciociara è una delle squadre che ci ha messo più in difficoltà. Quindi penso che sarà una gara equilibrata”.

Recupera Vacca dopo l’infortunio ed è stato convocato. Come anche Sigurdsson che partirà dalla panchina. Non saranno della sfida Okereke, Lezzerini, Busio, Ala-Myllymaki e Karlsson che è sul piede di partenza.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright