Il Giudizio Universale: Frosinone – Cittadella 0-1

Il Pagellone di Frosinone-Cittadella 0-1. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Frosinone-Cittadella 0-1. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara. (Leggi qui Il Frosinone non è imbattibile: con il Cittadella è 0-1).

IL MIGLIORE

Foto: Mario Salati / Alessioporcu.it

Garritano

Giostra da interno sinistro nel centrocampo a quattro schierato da Grosso. Anche stavolta riesce ad adattarsi ed alla fine è uno dei pochi a disputare una gara più che sufficiente. Soprattutto nel primo tempo prova dare vivacità agli attacchi del Frosinone dialogando con Zerbin.

Duella con Vita o Danzi dimostrando di saper fare anche “legna”. Nella ripresa sfiora il pari dopo un inserimento puntuale dei suoi. E’ uno degli ultimi ad arrendersi.

Voto: 6,5

Ravaglia

Un’altra partita da archiviare in fretta per il giovane portiere giallazzurro. Mostra ancora una volta incertezze ed inesperienza. Nel finale di primo tempo esce fuori tempo regalando ad Okwonkwo la più facile delle occasioni. Lento e impreciso nei rinvii, poteva fare di più in occasione del gol: la conclusione del bomber nigeriano non sembra imparabile, il pallone gli piega le mani.

Voto: 5

Zampano

Nel primo tempo giostra molto avanzato a destra grazie a Boloca che in fase d’attacco s’accentra. La sua spinta non manca anche se forse gli manca un po’ di campo per sfogare la sua corsa. Ma l’assist al volo che regala a Novakovich una ghiotta palla gol è un cioccolatino che non andava sprecato in quel modo. La sosta gli servirà per ricaricare le batterie considerando che è uno di quei giocatori che finora ha tirato la carretta.  

Voto: 6

Szyminski

Perde tutti o quasi i duelli con Okwonkwo che s’impone soprattutto grazie alla stazza fisica, all’anticipo e alla capacità di difendere la sfera. Il difensore polacco cerca di fare di necessità virtù anche se avrebbe bisogno di maggiore collaborazione da parte dei compagni. Al 9’ della ripresa l’episodio fatale: è poco aggressivo, sbaglia la marcatura e consente al centravanti nigeriano di battere a rete contro troppa facilità. Nel finale lo perde altre 2 volte ma Okwonkwo non ha l’istinto del killer. 

Voto: 5

Gatti sul pallone

Gatti

Grinta e concentrazione sono sempre le stesse. Anche stavolta il centrale piemontese gioca la sua gara con poche sbavature ma forse con meno intensità rispetto ad altre occasioni.

Sulle palle inattive va sempre in area avversaria ma ancora non trova il colpo vincente. E con il Cittadella ce ne sarebbe stato proprio bisogno.  

Voto: 6

Cotali

Senza infamia e senza lode. Presidia la fascia sinistra dove il Cittadella dà battaglia con Cassandro, Vita e talvolta con il funambolico Antonucci ed Okwonkwo. Insomma c’è tanto da lavoro da fare per il terzino giallazzurro. Errori ed affanni non gli mancano in una partita molto difficile per il Frosinone.

Voto: 5,5

Dal 27’ s.t. Casasola

Grosso gli sta regalando minutaggio per fargli acquisire la condizione ottimale che ancora non ha. E si vede.

Voto: s.v. 

Boloca

Nel 4-4-2 schierato da Grosso è il centrocampista esterno di destra. Ma quando il Frosinone avanza s’accentra lasciando la fascia a Zampano. Insomma una posizione spuria che non lo favorisce. Gioca una gara con poca lucidità e diversi errori. Molto meglio da mezzala in una mediana a tre. Branca lo tiene in apprensione.  

Voto: 5

Dal 15’ s.t. Rohden

Con il Frosinone sotto di una rete, ci s’aspettava un impatto diverso da parte del navigato centrocampista svedese. Ed invece non riesce ad entrare in partita. Quando prova a gettarsi nell’area avversaria sbatte contro l’ottima disposizione tattica della squadra di Gorini.

Voto: 5

Ricci sotto la sufficienza (Foto: Mario Salati)

Ricci

Si limita a svolgere il compitino in un centrocampo che soprattutto nella ripresa non ha girato a dovere. A tratti è apparso un po’ stanco e poco reattivo. In occasione del gol si perde completamente Antonucci, bravo a sgusciare via ed a lanciare Okwonkwo verso la porta.

Nel primo tempo con un lancio millimetrico dà il là all’azione più bella del Frosinone. Prova una punizione ma la mira è sballata. Da un giocatore del suo calibro ci si aspettava di più.

Voto: 5,5 

Dal 42’ s.t. Manzari

Debutto per l’esterno ex Sassuolo. Una manciata di minuti buoni solo per gli annali.

Voto: s.v. 

Zerbin

Parte col piglio giusto ed è tra i più vivaci del Frosinone. Sulla sinistra mette in difficoltà Cassandro che a tratti fatica a contenerlo. Pecca però di concretezza negli ultimi 16 metri. Nel finale di primo tempo si mette in proprio ma il tiro non sembra proprio il suo forte. Si spegne nella ripresa come del resto un po’ tutta la squadra che accusa il colpo del gol subito. Viene sostituito da Lulic. 

Voto: 6

Dal 27’ s.t. Lulic

Si nota poco in un match ormai segnato. Sarebbe interessante vederlo magari dall’inizio.

Voto: s.v. 

Ciano

Dopo 6 gare da “falso nove”, Grosso lo schiera da seconda punta accanto o poco più dietro di Novakovich. L’inizio è promettente e colpisce l’esterno della rete. Con il passare dei minuti però i difensori avversari gli prendono le misure e per lui diventa una partita in salita. Anche sulle palle inattive non riesce ad incidere.

Nel secondo tempo dialoga bene con Garritano che sfiora il pari. Poi cincischia sul buon pallone offertogli da Canotto.   

Voto: 5

Foto: Mario Salati / Alessioporcu.it

Novakovich

Torna titolare dopo 6 gare. Grosso lo schiera da prima punta in coppia con Ciano. La forma migliore è un’altra cosa. Lento e macchinoso. Perticone ed Adorni gli concedono le briciole. Eppure avrebbe l’occasionissima per cambiare la storia e bagnare alla grande l’esordio dal 1’. Ed invece il suo piatto da ottima posizione finisce fuori. 

Voto: 5

Dal 15’ s.t. Canotto

Recuperato in extremis, Grosso non lo rischia nella formazione titolare. La sua assenza già si era sentita a Reggio Calabria. Idem contro il Cittadella. Senza di lui il Frosinone non strappa, perde imprevedibilità e rapidità. Entra al 15’ nelle condizioni peggiori per un giocatore con le sue qualità. Il Cittadella, in vantaggio, non concede gli spazi di cui avrebbe bisogno. Qualche spunto interessante come al 34’ ma Ciano non trova la stoccata.  

Voto: 6

Grosso

Il suo Frosinone perde l’imbattibilità e forse qualche certezza. Tra l’altro il tecnico giallazzurro allo “Stirpe” non aveva mai conosciuto la sconfitta tra vecchia e nuova stagione. Azzarda un cambio di modulo passando dal 4-3-3 ad un 4-4-2 spurio. Una scelta che non gli dà ragione come quella di schierare dall’inizio un Novakovich ancora lontano parente di quel giocatore che i tifosi hanno ammirato. Stavolta non hanno convinto anche le sostituzioni. Forse Tribuzzi e Cicerelli sarebbero stati utili per inseguire il pareggio.  

Voto: 5,5

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright