Il M5S sulla torre di controllo: «La nomina di Pallone all’Enac è illegale»

Il Movimento 5 Stelle sale sulla torre di controllo ed ordina al prode aviatore Alfredo Pallone di atterrare. La sua nomina (leggi qui il precedente) viene ritenuta «una palese violazione di legge, oltre che allo spregio delle più elementari regole di buon senso e meritocrazia, da parte di questo Governo».

Il gruppo parlamentare grillino alla Camera dei Deputati ha annunciato che sta «valutando qualsiasi strada legale per bloccare tali assurde nomine».

Sul sito del gruppo a Montecitorio la posizione del deputato Luca Frusone e dei suoi colleghi è chiara: «Il Governo Renzi ha consegnato l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile a due politici di professione e a due tecnici che nulla hanno a che fare con il settore aeronautico».

Il MoVimento aveva più volte segnalato alle Camere l’assenza di un Consiglio d’Amministrazione all’Enac. E ora che le nomine sono state fatte dice che sono «del tutto inopportune per il ruolo che sono chiamate a svolgere».

Cosa hanno che non va quelle nomine? Ad Alfredo pallone viene imputato il suo passato politico: «Ex consigliere regionale del Lazio ed eurodeputato del PDL, oggi in quota NCD, con un passato da coordinatore regionale sempre del Lazio del partito di Berlusconi».

Avere militato in Forza Italia e nel PdL costituisce un ostacolo per diventare consigliere d’amministrazione dell’Aviazione Civile? Per il Movimento 5 Stelle si, perché «la legge istitutiva di Enac parla chiaro: il Consiglio di Amministrazione deve essere composto dal presidente e ‘da quattro membri scelti tra soggetti di comprovata cultura giuridica, tecnica ed economica nel settore aeronautico’. Ed è evidente che nessuno dei quattro nominati ha una ‘comprovata cultura’ nel settore aeronautico».

.
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright