Quell’intuizione di tenere insieme Frosinone e Alatri che si è rivelata decisiva per la Sanità ciociara

Se il Fabrizio Spaziani può essere dedicato al Covid-19 è perché anni fa si decise di mantenere un’unica Azenda ospedaliera che coinvolgesse anche il San Benedetto. Adesso Stefano Lorusso dovrà tenerlo presente nel nuovo Atto aziendale.

Se oggi la sanità provinciale sta reggendo bene l’urto del Coronavirus lo deve all’intuizione di qualche anno fa, quando fu deciso non soltanto di tenere aperto l’ospedale di Alatri, ma di far sì che i presidi di Frosinone e Alatri fossero un’unica Azienda ospedaliera.

È per questo motivo che oggi il Fabrizio Spaziani del capoluogo può concentrarsi nella lotta al virus Covid-19. E lo sta facendo con un grande impegno: i posti di Malattie Infettive sono raddoppiati e adesso sono 26, c’è un reparto nel quale si curano soltanto le persone affette dalla nuova patologia scatenata dalla pandemia da Coronavirus: ci sono già 80 posti letto, che però aumenteranno. Dove per anni c’è stato il reparto di Medicina generale, trasferito ad Alatri. Come Ortopedia, come diverse specializzazioni chirurgiche. Come la terapia intensiva non dedicata ai malati Coronavirus. Se non ci fosse stata la struttura di Alatri tutto questo non sarebbe stato possibile.

L’ospedale Fabrizio Spaziani di Frosinone Foto: Archivio Zeppieri

Sarà importante ricordarsene quando tutto questo sarà finito e si tornerà alla normalità. Sarà importante ricordarsene quando, entro il prossimo ottobre, dovrà essere presentato il nuovo Atto aziendale della Asl di Frosinone. Dovrà farlo il direttore generale Stefano Lorusso.

Uniti, come Roma

Il polo ospedaliero formato da Frosinone e Alatri ha le stesse potenzialità di un ospedale romano di medie dimensioni e di ottimo livello. Servono semmai più medici ed infermieri e su questo bisognerà lavorare non poco. Occorrono altri specialisti nel campo dell’anestesia, della pneumologia, delle malattie infettive. Perché l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha detto in maniera esplicita che in futuro ci saranno altri virus come questo e forse perfino peggiori. Bisognerà attrezzarsi in questo modo.

Coronavirus, ambulanza entra al Pronto Soccorso Foto © Stefano Cavicchi / Imagoeconomica

Inoltre va assolutamente potenziato il Pronto Soccorso. Nell’emergenza è venuta fuori la grande occasione di un complesso ospedaliero unico. Si potrebbe pensare allora di ragionare sempre in questa ottica. Definendo una nuova organizzazione dei reparti tra Frosinone e Alatri e smistando i pazienti secondo quelle che sono le necessità e le patologie.

Ma non va dimenticato che se oggi Stefano Lorusso può dire all’assessore Alessio D’Amato di aver attrezzato un complesso ospedaliero dedicato al Covid-19, lo deve a chi in passato si è battuto per la soluzione di tenere insieme Frosinone e Alatri.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright