La responsabilità che batte l’inganno (di A. Panigutti)

Sulla questione della candidatura alle Regionali, il centrodestra è andato vicino all'autoannientamento. Colpa di un inganno politico e mediatico. Sventato grazie al senso di responsabilità. Il ruolo di Fabio Rampelli. In anteprima l'editoriale che verrà pubblicato nelle edizioni in edicola domani mattina di Ciociaria Oggi e Latina Oggi.

Alessandro Panigutti
per Ciociaria Oggi
e Latina Oggi
*

Sulla candidatura di Sergio Pirozzi alla presidenza della Regione Lazio, nel centrodestra si è giocata la più pericolosa e delicata partita politica degli ultimi anni. Quella che ha minato le fondamenta di un’intera coalizione. Ma che più di tutte ha messo in discussione il futuro politico dei suoi azionisti di maggioranza: Forza Italia e Fratelli d’Italia.

 

Se c’è un vincitore assoluto di questa partita è Fabio Rampelli. Il quale, da solo o quasi, è riuscito a schivare le insidie di un’idea, quella di Sergio Pirozzi presidente, che aveva una facciata buona e spendibile ma l’animo di chi stava strumentalizzando prima di tutto un uomo e poi tutto quello che per cui è assurto al gradimento mediatico al solo fine di conquistarsi uno spazio politico altrimenti inimmaginabile.

 

Nel tranello ci stavano cadendo tutti. Assimilando quest’esperienza a quella della Capitale nessuno ragionava più sull’abnorme portata politica dell’operazione. In pochi valutavano l’inconsistenza delle truppe armate per un progetto basato esclusivamente sul calcolo e sulla convenienza e sulla necessità di riportare nell’agone politico un nuovo soggetto pieno di tanto populismo di basso rango e di una sfacciata ansia di arrivismo. Tutti concentrati sui sondaggi. Senza considerare il dopo di un eventuale vittoria. O peggio di una sconfitta.

 

Se oggi la Regione Lazio, pur con la resistenza in campo dell’insignificante armata brancaleone messa su da Francesco Storace e Gianni Alemanno, diventa contendibile con una candidatura importante e strutturata come quella di Stefano Parisi, il centrodestra lo deve allo spirito di squadra, alla visione e al ragionamento politico di un leader che ha saputo fare, senza porre condizioni, un passo indietro, dopo che tutti gli altri, proprio con i loro veti, stavano spianando la strada alla conquista leghista di tutta un’area di consenso e al ritorno sulla scena con il bottino pieno di Francesco Storace.

 

Grazie a Rampelli per una volta, nel centrodestra, la responsabilità ha vinto sull’inganno.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright