Cerca nel tuo cuore ciò che è gradito a Dio (di P.Alviti)

Pietro Alviti

Insegnante e Giornalista

 

di Pietro ALVITI

 

 

Il cuore, ti offro il mio cuore, mi spacchi il cuore, apri il tuo cuore, il batticuore, il cuore matto, senza cuore: è una parola che ha profondamente cambiato l’insieme semantico, la sfera dei significati che l’hanno accompagnata nella storia culturale dell’umanità.

Per gli antichi il cuore è il centro della vita: si è vivi se il cuore batte, se smette, è la fine, la morte… il cuore può essere dolce, tenero, caldo o duro, glaciale.

Il cuore insomma ha sempre rappresentato l’espressione profonda dell’animo umano, dati che si riteneva che la sede della vita fosse il sangue che irrora il corpo umano. Senza sangue si muore e il cuore è la sede della vita.

Ma oggi conta il cervello e non il cuore, conta la razionalità, l’economicità: 4 secoli di razionalismo ci hanno fatto dimenticare come si legge il nostro cuore.

Eh, sì! Bisogna leggere il cuore: è l’insegnamento della Parola, Cerca nel tuo cuore, scandaglia il tuo animo, la tua mente e trova ciò che è gradito a Dio. Sì perché il nostro cuore trabocca di tante emozioni, di tante spinte: sta a noi cercare quelle buone, quelle che sono gradite a Dio e che ci conducono non sulla strada della morte, ma sulla strada della vita. Oggi useremo la parola coscienza.

Cercare nel cuore, ecco il nostro compito: il cuore ci fa vedere subito cosa apprezziamo e cosa invece scartiamo. Apprezziamo ciò che piace a Dio? Ne siamo certi? Oppure abbiamo il cuore ricoperto di grasso? Impenetrabile ad ogni interpellanza della vita?

Il rischio è così grande che Ezechiele arriva a dire: vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo.

Pensate come sarebbe bella la vita con un cuore nuovo…

§

 

 

Qui tutti gli articoli di C’è bisogno di Parola

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright