Battuta pure la Cremonese: salutate la capolista

Foto: Mario Salati

Una rete di Rohden al 38' del primo tempo mette in cassaforte tre punti pesantissimi. Nella ripresa sale in cattedra un grande Bardi. Nel finale traversa di Ciano

Giovanni Lanzi
Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

Frosinone – Cremonese 1-0 Il Tabellino

FROSINONE (3-4-1-2): Bardi; Brighenti, Ariaudo, Capuano (39’ pt Curado); Zampano, Maiello, Kastanos, Beghetto; Rohden; Ciano, Novakovich.

A disposizione: Iacobucci, Marcianò, Salvi, Ardemagni, Dionisi, D’Elia, Carraro, Tribuzzi, Tabanelli, Vitale, Parzyszek.

Allenatore: Nesta.

CREMONESE (4-3-2-1): Alfonso; Crescenzi, Terranova, Ravanelli, Valeri; Valzania (15’ pt Castagnetti), Gustafson, Deli; Pinato, Gaetano; Ceravolo.

A disposizione:

Allenatore: Volpe, Zaccagno, Fiordaliso, Fornasier, Ciofani, Bonaiuto, Strizzolo, Castagnetti, Zortea, Nardi, Bia, Celar.

Arbitro: Signor Davide Ghersini di Genova; assistenti Sigg. Manuel Robilotta di Sala Consilina (Sa) e Gaetano Massara di Reggio Calabria; Quarto Uomo Signor Ivan Robilotta di Sala Consilina (Sa).

Marcatore: 38’ pt Rohden.

Note: partita a porte chiuse; angoli: 9-6 per la Cremonese; ammoniti: 47’ pt Zampano, 49’ pt Brighenti, 48’ st Ravanelli, 49’ st Gustafson; recuperi: 4’ pt; 5’ st

Un Frosinone tutto carattere, sagacia tattica e cuore incassa la vittoria (1-0) sulla Cremonese e si proietta in vetta alla classifica, in coabitazione con Empoli e Chievo. Ottimo primo tempo della squadra di Nesta che va al riposo sul vantaggio firmato da un colpo di testa di Rohden al 38’, su assist da destra di Zampano. Meglio la Cremonese nei secondi 45’, sale in cattedra Bardi (che allunga l’imbattibilità a 514’) e nel finale traversa di Ciano.

GLI SCHIERAMENTI
Il riscaldamento prima di Frosinone-Cremonese

Squadra che vince non si cambia e così Nesta conferma modulo e undici con i quali ha sbancato Pescara. Tra i pali Bardi, al centro del pacchetto di centrali c’è Ariaudo affiancato da Brighenti e Capuano. Maiello e Kastanos sono qualità e quantità nella zona nevralgica del campo, Beghetto largo a sinistra, Zampano largo a destra, quindi Rohden alle spalle della coppia Ciano-Novakovich.

Bisoli si presenta con il 4-3-2-1 di partenza. Torna tra i pali Alfonso, in difesa da destra a sinistra Crescenzi, il rientrante Ravanelli, l’ex Terranova e Valeri. In mezzo al campo Gustafson è il regista con Deli e l’altro ex Valzania interni, quindi Pinato e Gaetano alle spalle di Ceravolo.

CREMO SPUMEGGIANTE DOPO L’OCCASIONE-CIANO
Frosinone-Cremonese

È la Cremonese che si affaccia subito nella metà campo del Frosinone, manovra prolungata fermata poi da un fallo in attacco dei grigiorossi con Valzania.

Al 2’ Maiello tarda il passaggio a metà campo, nella stessa posizione in cui il 6 marzo innescò l’eurogol di Castagnetti ma la difesa giallazzurra chiude bene sul tentativo di verticalizzazione dei lombardi.

Un errore di Valeri sulla corsia di sinistra al 4’ spiana la strada al contropiede del Frosinone, palla da Ciano a Novakovich che la rende al compagno di squadra, sinistro appena dentro l’area e palla deviata in angolo in maniera decisiva da Terranova.

Si fa vedere la Cremonese con Deli, batti e ribatti e poi Brighenti libera da terra ma i ragazzi di Bisoli insistono con Crescenzi che guadagna il fondo all’altezza dell’area piccola ma sul pallone ad uscire è provvidenziale l’intervento di Ariaudo che devia in angolo in spaccata. Ancora Cremonese all’8’, Deli prende campo, verticalizza e lascia partire un destro che Bardi devia in angolo.

Avvio scoppiettante, dopo l’occasione di Ciano almeno due pericoli per la porta giallazzurra. Un problema per Valzania al 12’ che prima rientra a seguito delle cure dei sanitari per un problema al ginocchio destro ma nemmeno 1’ dopo è costretto ad abbandonare il campo. Bisoli fa scaldare Castagnetti che subentra al 15’.

SALE SULLA SCENA IL FROSINONE
Frosinone – Cremonese. Foto © Mario Salati

Bisoli cambia modulo, piazza Castagnetti davanti alla difesa e passa al 4-1-4-1. Partita vivace, il Frosinone pende molto a sinistra dove Beghetto continua a macinare chilometri e metter cross dentro un’area però ancora poco affollata di maglie giallazzurre.

La squadra di Nesta ancora vicina al vantaggio al 20’: duetto Novakovich-Ciano, sinistro al volo del fantasista campano e pallone che va fuori un metro alla destra di Alfonso. È Maiello l’uomo-ovunque della squadra di Nesta mentre dopo uno contrasto su Crescenzi resta a terra Rohden nella metà campo della Cremonese che, mentre il tecnico giallazzurro manda a scaldare Tabanelli, prova a riprendere.

È un Frosinone mordi e fuggi che dialoga bene e che cerca di innescare la coppia d’attacco. Come al 33’ quando duettano ancora al limite Novakovich e Ciano, botta del numero 28 in maglia giallazzurra, Alfonso non impeccabile in due tempi. Quando il Frosinone attacca mette paura: al 26’ pallone morbido di Zampano da destra, la difesa lombarda libera come può, Maiello di testa serve a sinistra Beghetto che incrocia col sinistro, pallone che tocca terra in diagonale ma Ciano non arriva a chiudere. Al 29’ Ciano prende alle spalle la difesa grigiorossa, il sinistro vellutato è deviato ancora in angolo.

ZAMPANO DETTA, ROHDEN LA SBLOCCA
Subito dopo il goal

È fluida la manovra della squadra di Nesta che disegna belle geometrie. Ma la Cremonese palleggia bene, al 32’ un fallo di Capuano su Pinato un’inezia fuori dell’area manda al tiro su punizione Gaetano ma il muro giallazzurro devia. Sbaglia Novakovich un controllo facile col Frosinone tutto proiettato nella metà campo grigiorossa, ci mette una pezza Maiello nell’area giallazzurra. E quando il Frosinone spinge, arriva il gol: Zampano ci prova due volte a mettere palloni interessanti nell’area dei lombardi, sul secondo – dopo un tentativo di rovesciata di Novakovich – il gran colpo di testa di Rohden e il vantaggio giallazzurro. Meritato.

Nel frattempo deve uscire Capuano per il riacutizzarsi di un problema al polpaccio sinistro, dentro al 39’ Curado. La reazione della Cremonese è tutta in cross di Crescenzi sul quale è attenta la difesa del Frosinone. Poi al 1’ dei 4’ di recupero Kastanos saggia le mani di Alfonso che para ancora in due tempi. Due gialli per il Frosinone in pieno recupero, prima Zampano e poi Brighenti. Quindi tutti al riposo, col Frosinone sull’1-0.

BARDI-SHOW MA NOVAKOVICH NON TROVA IL 2-0
Frosinone-Cremonese. Foto © Mario Salati

Bisoli lancia l’ex Ciofani per Ceravolo e Bonaiuto per Deli al 1’, al 2’ Castagnetti prova dal limite, pallone sporcato in angolo da Brighenti quel tanto necessario per evitare guai alla porta di Bardi. Il Frosinone risponde con un colpo di testa di Curado su angolo di Ciano e deviazione in corner di Alfonso.

Ma è la Cremonese che ha alzato il baricentro, il Frosinone raccolto con nove-undicesimi sotto la linea della palla. Pericolo per la porta di Bardi al 7’: Gaetano troppo libero di giocare la palla, entrare in area e tirare ma Bardi è strepitoso nella deviazione a mano aperta sul rasoterra, poi Zampano con il fianco accompagna in angolo. Bardi strepitoso all’11’ su un giropalla veloce della Cremonese, finalizzato dal sinistro di Castagnetti: deviazione in angolo con un gran colpo di reni. Decisivo.

Ma il Frosinone da inizio ripresa ha smesso di macinare gioco, abbassando inevitabilmente il baricentro. Sempre Bardi protagonista, questa volta sul sinistro di Crescenzi che entra dentro il campo e lascia partire una staffilata parata bene dal portiere giallazzurro. Passata la sfuriata dei grigiorossi, il Frosinone torna ad affacciarsi nella metà campo avversaria ma al 18’ si fa male Rohden in un contrasto con Crescenzi, una dolorosa distorsione alla caviglia sinistra. Nesta si cautela e manda a scaldare 5 giocatori della panchina. E prima del tre cambi preventivati, l’occasionissima per Novakovich sul tiro-cross di Kastanos, con Terranova che salva in angolo. Arrivano al 23’ i tre cambi: Tabanelli per Rohden, D’Elia per Beghetto e Parzyszek per Novakovich. Un cambio nella Cremonese: Zortea per Valeri.

ASSALTO LOMBARDO, TRAVERSA DI CIANO E TENSIONE-BISOLI
Frosinone-Cremonese Foto © Mario Salati

Torna a spingere la squadra ospite anche se il Frosinone dà l’impressione di non avere quell’affanno di avvio ripresa. Ed è Maiello il gran tessitore della tela di Nesta, sempre uomo-ovunque ma soprattutto eccellente lucidità e accelerazioni improvvise che permettono di allungare la squadra di Bisoli e dare respiro alla difesa del Frosinone.

A 13’ dal 90’ angolo di Castagnetti, colpo di testa di Ciofani e palla di poco fuori, con Gaetano che non arriva per il tap-in. A 8’ dal 90’ Dionisi per Ciano e Celar per Ciano. Bardi sempre attento al 39’ su un cross piombato nel traffico, il portiere devia quel tanto che basta per evitare problemi. Il Frosinone ha rinunciato definitivamente a tenere uomini nell’area della Cremonese, adesso tutti sotto la linea del pallone.

A 1’ e 20” dal 90’ il Frosinone gioca in maniera intelligente un contropiede, guadagna un fallo laterale e su un pallone sporco Kastanos spara a due metri dal palo alla sinistra di Alfonso. Nei 5’ di recupero lo sforzo massimo della formazione di Bisoli e la traversa scheggiata da Ciano al 47’. Se ne va Dionisi, Ravanelli deve strattonarlo per evitare che l’attaccante si presenti davanti ad Alfonso e rimedia così un giallo.

Il Frosinone sente i tre punti che arrivano, puntuali e meritati al triplice fischio finale di una partita bella e sofferta che porta in dote il primo posto a braccetto con Empoli e Chievo.

(Leggi qui tutti gli articoli di Sport)