Frosinone, Longo si avvicina alla panchina (di G.Lanzi)

Giovanni Lanzi

Se lo chiamano 'Il Maestro' non è un caso

 

di GIOVANNI LANZI
Giornalista epurato

 

Il tecnico piemontese fu il primo accreditato un’ora dopo il ko col Carpi
Frosinone, Longo si avvicina alla panchina
Il presidente Stirpe: “Il nuovo stadio pronto a fine luglio”. Dal Credito Sportivo arrivano 8 milioni

 

 

Moreno Longo si avvicina al Frosinone. Il 41enne tecnico della Pro Vercelli, scudettato con la Primavera del Torino, vanta ancora un anno di contratto con la Pro Verceli ma ha compiuto in queste ore lo scatto decisivo per approdare sulla panchina giallazzurra. Da dove si è allontanato il tecnico del Perugia Bucchi che può andare in A al Sassuolo che perde Di Francesco in arrivo alla Roma. Mentre la questione relativa ad Oddo non è mai stata granché concreta, in fila indiana tutte le altre piste circolate più o meno in maniera affascinante in questi giorni.

Su Longo – a conferma della validità del trainer – c’era anche l’interesse dello Spezia dove sarebbe potuto andare grazie al ds Perinetti, che però resta al Venezia dopo aver vinto un grande campionato che ha permesso ai lagunari di tornare tra i cadetti.

Il nome di Longo accostato al Frosinone (leggi qui, pezzo del 30 maggio Il Frosinone pensa a Moreno Longo) fu il primo in assoluto a circolare qualche minuto dopo l’amara serata del 29 maggio quando il Frosinone di Pasquale Marino si fermò a 5′ dalla serie A dopo 44 partite.

Il tecnico torinese è un profilo interessantissimo. Il Frosinone aveva il suo nome sul taccuino da tempo. Giovane, abituato a lavorare con i giovani, scudettato come detto con la Primavera del Torino (formazione con la quale ha alzato anche la Supercoppa (entrambe le finali vinte contro la Lazio), dove si è fatto le ossa. In panchina sta ottenendo i risultati che la carriera di calciatore gli ha negato. Alla sua prima stagione Cadetta ha traghettato la Pro Vercelli alla salvezza.

Il suo è un calcio spumeggiante, in genere si affida al 4-3-3. Calcisticamente è stato invece un difensore. Nella stagione 2000-’01 Longo si infortuna gravemente, per lui rottura dei legamenti del ginocchio e due anni di stop. Nel 2003 gioca in Serie B a Cagliari, ma disputa appena due partite prima di essere ceduto definitivamente al Teramo dove non è fortunato anche per il suo caretterino un po’ pepato e passa alla Pro Vercelli in C2. Al termine della stagione finisce in Serie D, all’Alessandria, dove chiude la carriera a 30 anni. Ha giocato nel Torino in A, nella Lucchese in B e nel Chievo dove ottenne la prima storica promozione in A.

 

IL FROSINONE CHE VERRA’ – Sarà una squadra… ad immagine e somiglianza di Longo: affamata. Dell’attuale organico ne dovrebbero rimanere 13-14. Su Dionisi, la pepita d’oro del gruppo, c’è un club estero che non dovrebbe essere però il Galatasaray. Pressoché certa invece la conferma di Daniel Ciofani (a meno di offerte irrinunciabili) e il lancio definitivo del giovane Volpe che Marino ha fatto ‘ammuffire’ una stagione intera in panchina, mentre se la sono scampata con qualche mese in meno Besea e Mamic. Per il resto tutto in alto mare, anche perché tutti sono in attesa della conferenza stampa del 14 giugno quando il presidente Maurizio Stirpe traccerà un bilancio della stagione e probabilmente darà le coordinate della nuova.

 

LO STADIO ‘BENITO STIRPE’ A FINE LUGLIO – Otto milioni in arrivo dal Credito Sportivo (il 40% del costo totale) e il nuovo stadio pronto a fine luglio. Ad annunciarlo è stato il presidente Maurizio Stirpe, nella conferenza stampa di presentazione dell’accordo di finanziamento con l’Istituto per il Credito Sportivo, a Roma. «Contiamo di completare i lavori entro il 5 luglio, poi si aprirà una fase più delicata per la copertura della tribuna principale, sulla quale c’è un mese di ritardo a causa della difficile reperibilità di materiali specifici. L’ultima data per la consegna dei lavori è il 23 luglio. Non esiste alternativa per il prossimo campionato: dobbiamo giocare nel nuovo Benito Stirpe».

 

Foto: copyright Mario Salati, tutti i diritti riservati

 

Entra nella stanza di G.Lanzi con tutti i suoi articoli

§
error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright