Covid-19, la ‘bestia’ rialza la testa: 28 casi, molti nel nuovo cluster

Covid-19

L'impennata nei casi di coronavirus nel Lazio. Quasi tutti provengono dal nuovo cluster. "Non ci voleva" ammette l'assessore D'Amato. Si lavora per mettere in gabbia la bestia "poi l'indagine epidemiologica". Un caso in Ciociaria. Ed uno a Priverno.

La bestia rialza la testa. E ricorda a tutti che è pronta a colpire. Il Covid-19 ha infettato 28 persone nelle ultime ventiquattrore in tutto il Lazio: il grave è che 24 casi sono concentrati in un nuovo focolaio. Ancora una volta una struttura sanitaria: l’Istituto di Ricerca San Raffaele Pisana di Roma. In totale nella struttura i casi positivi sono 31: si sono passati il coronavirus con una facilità impressionante tra 20 azienti, 9 operatori sanitari e 2 loro familiari.

«Questo focolaio non ci voleva» ammette l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. Senza il nuovo cluster ci sarebbero stati appena 4 casi in tutto il Lazio.

L’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato Foto © Imagoeconomica / Carlo Lannutti

C’è un segnalepositivo: l’allarme è scattato subito e la diffusione è stata bloccata. «Siamo intervenuti tempestivamente per contenerlo – assicura Alessio D’Amatola struttura è posta in isolamento e tutti i nostri sforzi sono adesso ricondotti alla tutela di pazienti e operatori. Poi faremo tutte le verifiche al completamento dell’indagine epidemiologica». Tradotto dal linguaggio sanitario vuol dire: prima ingabbiamo la bestia, poi capiamo come sia arrivata lì dentro.

Sono giorni che l’assessore ripete di non abbassare la guardia, di non essere troppo ottimisti perché «va mantenuta alta l’attenzione».

Venti pazienti sono stati trasferiti, sono stati effettuati 300 tamponi per dare la caccia al virus tra gli altri pazienti, i sanitari, le persone che hanno incontrato. In accordo con il prefetto la struttura è stata isolata.

Il quadro fornito dalla Asl Roma 3 concentra l’attenzione tra gli operatori sanitari: potrebbe esserci stato un asintomatico. In Regione si attendono un ulteriore incremento dei casi.

Coronavirus, medici in tuta effettuano il tampone. Foto © Sara Minelli / Imagoeconomica

In tutto il Lazio i decessi per Covid-19 nelle ultime ventiquattrore sono stati 4. Gli altri quattro nuovi casi al di fuori dal cluster del San Raffaele sono stati registrati: uno nella Asl di Frosinone, uno a Priverno nella Asl di Latina, uno ciascuno nelle Asl Roma 1 e Roma 4.

Il numero complessivo dei guariti continua a crescere: sono stati 37 portando il totale a 4.346.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright