Il Giudizio Universale: Cremonese – Frosinone 1-1

Il Pagellone di Cremonese-Frosinone 1-1. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara.

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Cremonese-Frosinone 1-1. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo nella gara. (Leggi qui Allo Zini ci pensa Charpentier e riagguanta il pari).

Il migliore

Charpentier

È il suo momento magico. Il Frosinone s’aggrappa a lui. Il centravanti francese tiene in piedi la baracca con il suo settimo gol stagionale. Dopo la doppietta contro il Pordenone, firma il pari allo “Zini” correggendo in rete l’assist di testa di Gatti.

Si conferma insomma implacabile negli undici metri con una prodezza da attaccante di razza per opportunismo e rapidità. Ritrova la maglia da titolare in una partita molto difficile per il Frosinone. Gabriel si batte con generosità e disciplina malgrado la marcatura stretta di Okoli.

Partita di sacrificio con qualche lampo fino alla rete dell’1-1. Poco prima della mezzora della ripresa viene sostituito da Novakovich. 

Voto: 7

Dal 28′ st Novakovich

Una ventina di minuti in campo, non lascia il segno.

Voto: s.v.

Ravaglia

Decisivo poco dopo la mezzora quando deve rimediare all’erroraccio di Szyminski. Bravo a rimanere in piedi sulla conclusione di Fagioli a colpo sicuro. In precedenza si era opposto a Valeri e 2 volte a Ciofani. Nella ripresa si fa trovare pronto su Gaetano, Valeri e Zanimacchi. Nulla può sul gol di Ciofani.

Tra i pali è un portiere d’indubbio valore. Sulle palle alte invece non è sicuro: se provasse ad uscire potrebbe evitare quelle mischie che diventano pericolose. 

Voto: 6,5

Francesco Zampano

Zampano

Con il rientro di Cotali cambia fronte e ritrova la fascia destra dove la Cremonese lavora molto almeno nel primo scorcio di partita con Valeri e Strizzolo. E così il terzino ligure si limita a compiti di copertura e di rado s’avventura in zona d’attacco.

Sgasa di più dopo il vantaggio della Cremonese. In linea generale sembra mordere il freno e l’ammonizione che rimedia nel finale è sintomo di stanchezza.

D’altronde è l’unico giallazzurro ad aver giocato sempre. 

Voto: 6

Gatti

Di fronte si ritrova uno dei pezzi più importanti della storia del Frosinone ovvero Daniel Ciofani. Con Szyminski si dividono la marcatura del bomber abruzzese. Il centrale ci mette al solito grande applicazione pure se non appare brillante come altre volte. Tuttavia salva la porta dopo la mezza parata di Ravaglia sul tiro dello stesso Daniel Ciofani e regala l’assist a Charpentier.  

Voto: 6

Szyminski

Un altro errore marchiano dopo quello col Pordenone che era costato la rete del momentaneo 1-2. Stavolta Ravaglia ci mette una pezza sulla conclusione a colpo sicuro di Fagioli che aveva intercettato il passaggio sbagliato del polacco. Perde il duello con Ciofani in occasione del vantaggio: l’ex gli salta addosso e segna.

Insomma un’altra partita sottotono dopo un periodo nel quale si era distinto. Sta accusando la fatica di una stagione a ritmi serrati?    

Voto: 5

Cotali

Cotali

Rientra dal 1′ al posto di Casasola. Il suo contributo non manca sulla fascia sinistra dove deve controllare Zanimacchia oltre alle sortite del terzino Sernicola. Giocatore regolare, riesce a gestire anche l’ammonizione che rimedia nel primo tempo.

Spinge raramente ma non era la partita giusta.

Voto: 6 

Boloca

Il migliore del centrocampo giallazzurro per dinamismo e qualità delle giocate. Strappa e cuce gioco. Ruba palla e riparte. Elemento imprescindibile nello scacchiere di Grosso. Si presenta all’8’ con una ripartenza importante ma Garritano servito in area non riesce a battere a rete. E’ suo il cross morbido e preciso dal quale nasce la rete del pari.

Grosso gli risparmia gli ultimi minuti. 

Voto: 6,5

Dal 28’ s.t. Canotto

Si piazza sulla fascia destra ma non trova il guizzo. 

Voto: s.v.

Ricci

E’ uno dei 5 cambi rispetto al match di sabato. L’ex Spezia si riprende le chiavi del centrocampo. Non è una delle sue migliori serate. Si contronta con Castagnetti, non è molto lucido, commette diversi errori. Prova di tanto in tanto ad accendere l’interruttore della luce senza riuscirci. Da un giocatore come lui ci si aspetta di più.  

Voto: 5,5 

Garritano

Schierato da mezzala sinistra per sfruttare la sua velocit e capacità d’inserimento in area avversaria. Dopo 8’ ha la chance per cambiare subito la gara ed invece non riesce a graffiare dopo l’azione di Boloca. Per il resto una partita anonima anche se ovviamente non si risparmia. 

Voto: 5,5

Dal 19’ s.t. Lulic

Troppo scolastico. E’ fresco, l’inerzia della gara sembra pendere dalla parte del Frosinone e quindi servirebbe maggiore coraggio. Ed invece il croato si limita a svolgere il compitino.

Voto: 5,5

Tribuzzi

Camillo Ciano

Esordio da titolare per l’esterno romano. Non giocava titolare dalla scorsa stagione contro la Reggiana. E’ tra i migliori del Frosinone sceso in campo allo “Zini”. Si piazza sulla fascia destra e quando entra in possesso di palla diventa un pericolo costante per la difesa lombarda. Cerca il bersaglio grosso in un paio di situazioni ma non è preciso e fortunato.

Con la girandola di sostituzioni finisce da mezzala prima di essere sostituito da Ciano.  

Voto: 6,5

Dal 35’ s.t. Ciano

Vuole mettersi in mostra tuttavia il colpo resta in canna.

Voto: s.v.

Cicerelli

La sensazione è che sia più efficace entrando in corsa quando può dare il cambio di passo. In effetti non riesce mai a sfondare sulla sinistra tanto che spesso s’accentra per cercare spazi e gloria. Allo scadere di primo tempo ha l’occasione per fare male su punizione ma spara alto.  

Voto: 5,5

Dal 19’ s.t. Zerbin

Entra col piglio giusto. Cerca di saltare l’uomo per dare la superiorità numerica alla squadra. Prezioso in fase di copertura.

Voto: 6

Fabio Grosso

Grosso

Terzo pareggio di fila, il nono del campionato (un record), ottavo risultato utile consecutivo. Tuttavia il Frosinone scivola al settimo posto superato da Monza, Benevento ed Ascoli in una classifica sempre cortissima.

Affronta la sfida dello “Zini” cambiando ben 5 elementi (l’intero attacco e 2/3 del centrocampo). L’intento è di regalare maggiore freschezza alla squadra alle prese con impegni ravvicinati. La mossa riesce fino ad un certo punto.

La risposta più positiva arriva da Tribuzzi oltre che dal solito Charpentier. La difesa inizia a mostrare qualche crepa ed anche a centrocampo non sono mancate le difficoltà. Nella ripresa la squadra ha una reazione importante dopo la rete di Ciofani ed infatti pareggia quasi subito.

Tenta con i cambi di sorprendere gli avversari ma il colpo vincente non arriva. Sabato in casa contro la Ternana bisognerà cercare di ritrovare i 3 punti che mancano da 3 giornate.

Voto: 6

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright