Il Giudizio Universale: Frosinone-Perugia 1-0

Il Pagellone di Frosinone-Perugia 1-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo della gara

Alessandro Salines

Lo sport come passione

Il Pagellone di Frosinone-Perugia 1-0. Gli episodi chiave ed i protagonisti in positivo ed in negativo della gara. (leggi qui la cronaca: Il Frosinone ingrana la 5^ e batte pure il Perugia 1-0)

Il migliore

Rohden

Lo svedese è uno di quei giocatori che tutti gli allenatori vorrebbero avere perché sa smarcarsi e giocare con e senza palla. Autentico tuttocampista, risolve la sfida con un inserimento dei suoi e tanta caparbietà.

Anche nella ripresa ci prova con un’altra incursione su suggerimento di Garritano. Decisivo come lo è stato a Modena, per Grosso è una pedina quasi insostituibile. E le sue parole lo confermano. “Sono contento per Marcus, un ragazzo intelligente che sa giocare al calcio – ha detto il tecnico – Uno come lui in campo te lo ‘ritrovi’ sempre. Sa occupare gli spazi quando hai la palla e quando non ce l’hai”.

Voto: 7,5

Dal 34’ s.t. Lulic

Entra con il compito di dare freschezza alla squadra in un momento in cui bisogna stringere i denti.

Voto: s.v.

Turati

Il portiere Turati ancora imbattuto in casa (Foto: Mario Salati © Alessioporcu.it

Subito caldo, si oppone alle conclusioni in avvio di Bartolomei e Strizzolo. Due interventi che confermano la sua grande affidabilità ed evitano che la partita prende una piega inaspettata.

Resta imbattuto in casa dopo 6 gare e colleziona il settimo clean sheet stagionale (primato in Serie B). Meglio di così.

Voto: 6,5

Sampirisi

Si riprende la maglia da titolare dopo 2 turni fuori a causa di un infortunio. Presidia la fascia destra dove attacca l’ex Beghetto, esterno di gamba e buon crossatore. Uno dei duelli più interessanti che alla lunga lo vedrà vincitore. E’ uno dei pilastri della difesa che di settimana in settimana si sta rivelando il punto di forza della capolista ciociara.

Voto: 6,5

Lucioni

Capitan Lucioni (Foto © Mario Salati)

Imbattibile sulle palle alte, implacabile in marcatura, un vero e proprio “muro”. Leader della difesa più forte del campionato (solo 7 reti incassate), blocca lo spigoloso Strizzolo che possiede esperienza e stazza.

Anche quando la squadra va sotto pressione trova sempre la soluzione giusta.

Voto: 7

Ravanelli

Ha ormai scalato le gerarchie superando Szyminski. Un aspetto che la dice lunga sul valore dell’ex Cremonese. Puntuale e deciso, non concede nulla agli avversari in particolar Di Serio.

Voto: 6,5

Cotali

Il terzino Cotali (Foto © Mario Salati)

Guarda negli occhi l’ex compagno Casasola abbastanza attivo sulla fascia destra del Perugia. Gli concede solo qualche cross anche perché Caso talvolta non accorcia lasciando solo. Ma alla fine porta casa la prestazione mostrando ordine e determinazione. Uno dei punti fermi di Grosso.  

Voto: 6,5

Dal 21’ s.t. Frabotta

Buono l’impatto, va vicino al raddoppio con un gran tiro da fuori area. Insidiosi i suoi piazzati. Presidia la fascia sinistra sulla falsariga di Cotali.

Voto: 6

Boloca

Miscela quantità e qualità con la sapienza di un veterano. A centrocampo il Perugia ha 3 giocatori e quindi non è facile. L’italo rumeno si disimpegna bene, coprendo e ripartendo. Nel primo tempo sfiora la rete con una bella conclusione dal limite. Inizia l’azione dalla quale nasce il gol-vittoria.

Voto: 6,5

Mazzitelli

Il centrocampista Mazzitelli (Foto © Mario Salati)

Tanto lavoro oscuro per il centrocampista romano bravo a calarsi in una partita rognosa. Riesce dare ordine alla manovra pur non tirando fuori la giocata risolutiva.

Voto: 6

Garritano

Sfiora il raddoppio nel finale di primo tempo. La conclusione è forte e bella ma non è fortunato. Moto perpetuo, parte trequartista centrale, scherma Bartolomei, ma cambia più di un ruolo durante la partita. Un giocatore prezioso per mille motivi e al quale Grosso non rinuncia mai.

Voto: 6,5

Dal 34’ s.t. Borrelli

Si getta a capofitto nella mischia a caccia di quel gol che chiuderebbe i conti. Stavolta non gli riesce la prodezza.

Voto: s.v.

Caso

Grosso si gioca dal 1’ una delle sue carte migliori. L’attaccante rientra nell’undici base, battaglia con Casasola e prova a scuotere una gara abbastanza bloccata per il Frosinone. Un paio di giocate potevano cambiare il corso degli eventi. Tuttavia non sembra ancora al top tanto che Grosso dopo 10’ della ripresa lo sostituisce.

Voto: 6

Dal 10’ s.t. Mulattieri

Ha un guizzo poco dopo la mezzora ma trova sulla sua strada Gori. Per il resto cerca di alzare la squadra e ripartire in contropiede.

Voto: 6

Moro

L’attaccante Moro

Si batte con tanto impegno, la marcatura dell’ex Curado e di Sgarbi è ruvida. Non ha grandi chance ma mette la firma sulla vittoria lanciando a rete Rohden con un tocco intelligente e preciso. Nel secondo tempo si gira bene ma non inquadra la porta.

Voto: 6

Dal 21’ s.t Ciervo

Giostra da punta esterna a destra, qualche buona iniziativa e la sensazione che può far male da un momento all’altro. La sua velocità palla al piede crea problemi agli avversari.

Voto: 6

Grosso

Il tecnico Grosso

Contro il Perugia ha dimostrato di saper vincere anche le partite sporche ed è un segnale di crescita importante. E poi i numeri parlano chiaro: 5 vittorie di fila, 6 quelle in casa consecutive senza subire reti.

Il suo Frosinone è primo non per caso ed ha pure allungato sulle inseguitrici. Altro merito che gli va ascritto è quello di essere riuscito finora a gestire l’entusiasmo della squadra e dell’intero ambiente.   

Voto: 7

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright