Natalia, opposizione cercasi: anche Vecchi ora e con lui

Lo strano consiglio comunale. Nel quale il neo consigliere d'opposizione fa una dichiarazione di apertura al sindaco. "Pronti a collaborare". E il Bilancio passa liscio come l'olio

Franco Ducato
Franco Ducato

Conte del Piglio (ma non) in Purezza

Se il buon giorno si vede dal mattino, il sindaco di Anagni non ha nulla di cui preoccuparsi. Sì, perché un neo consigliere comunale di opposizione che, come prima cosa, annuncia di stimare il primo cittadino, di considerarlo «attento e disponibile», mentre, semmai, dal resto della squadra di maggioranza ci si potrebbe aspettare qualcosa di più, un consigliere che si dichiara pronto a collaborare, che crea un gruppo nuovo ed indipendente rispetto ai compagni (?) di minoranza, con cui peraltro nemmeno parla, e che alla fine si astiene su tutti i punti, comprese le variazioni di Bilancio ed il consolidato, su cui il resto della (poca) minoranza sputa fuoco e fiamme…beh, se non è un consigliere di maggioranza, poco davvero ci manca.

Anzi, più di qualcuno, in maggioranza, giura sul fatto che il neo consigliere comunale Guglielmo Vecchi abbia già messo gli occhi su uno scranno prestigioso. Quello al Bilancio. A nessuno è sfuggito, nel discorso di insediamento iniziale, il riferimento alle «mie competenze in materia di bilanci».

Il Consiglio con poca opposizione

Guglielmo Vecchi

Breve riassunto. Ieri sera, dalle 20 fino all’ 1.11 del mattino, si è tenuto il consiglio comunale anagnino. Dedicato, tra gli altri punti, ad una serie di variazioni di Bilancio, agli assestamenti generali ed al consolidato. Quello che, nel 2018, aveva certificato la fine della maggioranza Bassetta, per intendersi.

Un consiglio che, sul piano politico, ha registrato l’ingresso in minoranza di Guglielmo Vecchi in consiglio, dopo le dimissioni di Gianluigi Ferretti. Un cambio di passo che si è sentito subito. Se Ferretti, tempo fa, aveva denunciato la mancanza di «onestà intellettuale» della maggioranza Natalia, Vecchi ha chiarito subito; Natalia è «attento e disponibile». È sul resto della squadra che si potrebbe fare di più. Un riferimento neanche troppo velato ad una volontà precisa, visto che Vecchi, con il suo nuovo gruppo (Idea Anagni, assieme all’altro reprobo Necci) ha subito annunciato la volontà di «collaborare». Cominciando, intanto, ad astenersi su tutto. Mentre Necci, per non sbagliare, ha votato direttamente sì. 

Solo Sandra contro il sindaco

Sandra Tagliaboschi

Insomma, con questi chiari di luna, per Natalia non dovrebbero esserci problemi. Anche se l’assessore Marino ha badato, ancora una volta, a rinfocolare le polemiche con la minoranza; soprattutto con la consigliera del Pd Sandra Tagliaboschi, più volte entrata in contrasto con la guardia del corpo dell’assessore, ovvero il consigliere di Cuori Anagnini Luigi Pietrucci.

Schermaglie però valide soprattutto per l’uditorio in streaming. Per il resto, il quadro è quello di una maggioranza che acquisisce, di fatto, due nuovi elementi. Mentre l’opposizione è sempre più frantumata.