Alessandra Sardellitti

Le tre vite della Mandarelli: Socialista, con Renata, di nuovo con Memmo

Già assessora nella Giunta Marrazzo e consigliera regionale con la Polverini, oggi è la più votata nel Campo costruito attorno al Pd. «Schietroma e Ottaviani mi volevano fare fuori, ma non ci sono mai riusciti». Eletta con la lista civica dell’ex sindaco Marzi, con cui cominciò vent’anni fa. «L’ho fatto solo per lui, che mi tratta da sempre come un politico e non come donna o quota rosa». I retroscena della cacciata dalla Regione

L’altro Vicano: «Il Centro sono io e attorno voglio una Città europea»

Non è più il candidato di due mesi fa. Ora l’ex dirigente Asl e Saf rappresenta il Centro politico di Frosinone: Azione, Udc, movimento Autonomi e Partite Iva, e Progetto Lazio. Ha presentato la sua squadra al Caffè Minotti di Frosinone. E punta ad arrivare al ballottaggio e vincere. «In caso contrario nulla è escluso»

Porta in faccia al fantasma dei Cinque Stelle 

Azione ribadisce una linea che alle Regionali del prossimo anno potrebbe essere molto preoccupante per il Pd. Porta in faccia al M5S. Che fino a questo momento però a Frosinone non si è schierato. E forse nemmeno ci sarà. Ma nonostante questo le truppe di Calenda stanno contro il centrosinistra

E se Vicano passasse in… Azione

Il candidato sindaco di Frosinone incontrerà in settimana Carlo Calenda. I risultati delle Comunali serviranno anche a verificare quali sono gli spazi al di fuori degli schieramenti più grandi. Intanto Azione ha posto dei paletti precisi in attesa di un cambio della legge elettorale.

Lo scatto di Azione come un urlo nel deserto

Antonello Antonellis e Alessandra Sardellitti si sono resi conto che soltanto il sostegno diretto ad un candidato sindaco può sbloccare la situazione nella torre di Babele del centrosinistra frusinate. L’immobilismo del Pd e i veti degli alleati hanno compromesso sul nascere l’idea delle primarie.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright