Lega, tre congressi in poco più di un’ora

Il tavolo Lega - Pd per cambiare la legge elettorale. Il via ai 'congressi' del Carroccio sui territori. Ciociaria divisa in tre aree: Nord ad Ottaviani, Sud a Ciacciarelli. Formeranno la nuova Segreteria provinciale

Se sarà Proporzionale la nuova legge elettorale avrà molti tratti dell’attuale Maggioritario: i paletti messi da Roberto Calderoli al tavolo con il Pd in cui stanno contrattando la riforma sono chiari. Due soltanto ma decisivi: vincolo di coalizione e premio di maggioranza. In pratica? Ogni Partito corre per se ma all’interno di una coalizione dichiarata prima: la coalizione che prende più voti ha diritto ad un premio di maggioranza. Un po’ come succede per le Comunali.

Per la Lega significa abdicare alla leadership del centrodestra, cedere con certezza il timone a Fratelli d’Italia. Che ha il vento dei sondaggi nelle vele. Ma il proporzionale valorizza i territori, saranno loro a dover spingere. E dovranno farlo dannatamente se vogliono sperare di avere un senatore o un deputato a rappresentarli; il taglio di quasi 350 seggi in Parlamento ha ridotto le possibilità.

Via ai Congressi

Matteo Salvini (Foto: Marco Cremonesi / Imagoeconomica)

Per scuotere i territori, Matteo Salvini ha disposto che si tenessero i Congressi. Nulla a che vedere con quelli del Pd.

In provincia di Frosinone il territorio è stato diviso in tre aree: Frosinone Nord, Frosinone Capoluogo, Frosinone Sud. Ammessi al voto gli iscritti al 2021 me non tutti, solo i Sostenitori: quelli che pagano la tessera da 50 euro all’anno; in tutto meno di un centinaio d’iscritti. Gli altri, i militanti, con la tessera ordinaria, potranno votare ai congressi Comunali. I tre coordinamenti d’area determineranno il Coordinamento Provinciale.

Il coordinamento Nord ha scelto come guida il vicesindaco di Alatri Roberto Addesse; nel gruppo dirigente c’è il presidente del Consiglio provinciale di Frosinone Luca Zaccari, il già senatore Kristalia Papaevangeliu di Alatri, Gian Claudio Diamanti (Veroli), Pasquale Bronzi (Ceccano), Maria Veronica Rossi (Ferentino) che aveva sfiorato l’elezione alle scorse Europee, Lauria D’Onorio (Veroli).

Il Coordinamento Capoluogo va all’attuale coordinatore provinciale Nicola Ottaviani, affiancato dalla sua storica collaboratrice Alessia Masi, da Mara Belli e Daniela Mascetti.

Il Coordinamento Sud va invece all’attuale coordinatore cittadino di Cassino Alessio Ranaldi. Con lui il consigliere anziano di Sora Lino Caschera, l’ex amministratore Ater Paolo Castaldi di Ceprano, Carmine Sarracino di Castrocielo, Deborah Bovenga di Isola del Liri, Luigi Di Cicco di San Giorgio a Liri e Roberto Sardelli di Pontecorvo.

Gli equilibri

Francesca Gerardi e Gianluca Quadrini

Una suddivisione che fotografa gli attuali equilibri: il Nord è appannaggio di Nicola Ottaviani, il sud del Segretario Organizzativo provinciale Pasquale Ciacciarelli. Non c’è l’area del capogruppo provinciale Gianluca Quadrini: nel 2021 era appena entrato nella Lega e gli venne imposto di farlo in punta di piedi in attesa di risolvere la pendenza giudiziaria che lo ha visto assolto nei mesi scorsi.

I tre coordinamenti d’area daranno vita alla nuova Segreteria politica provinciale. Sarà lei ad avere una parola molto importante per le candidature alle Regionali del 2023 nel Collegio provinciale.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright