Ottaviani prepara il “d day” per lo sbarco nella Lega. E nel partito si studiano le strategie

Operazione targata Durigon-Zicchieri. Il prolungato silenzio del coordinatore provinciale Carmelo Palombo, la tranquillità di Domenico Fagiolo, la fase di studio di Carmine Tucci, Carlo Gagliardi e Rossella Testa. E il ritorno al futuro di Giampiero Fabrizi e Mariarosaria Rotondi.

Una cosa è certa. L’ingresso del sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani nella Lega, ma alla guida di un Movimento civico, moderato, cattolico e composto da amministratori locali, non passa attraverso i livelli Provinciali del partito.

Infatti dell’operazione si stanno occupando direttamente il sottosegretario di Stato al ministero del lavoro Claudio Durigon e l’onorevole Francesco Zicchieri.

Proprio Zicchieri ha comunicato ai membri del direttivo provinciale del Carroccio l’importante novità, che potrebbe avere anche un’altra conseguenza: la candidatura dello stesso Ottaviani alle Europee. Nessuno, in quella sede, ha avanzato obiezioni.

Ma nella Lega il fattore Ottaviani viene già considerato. Intanto perché il sindaco di Frosinone non passerà da solo. Quindi perché non è un tipo che si accontenta di partecipare, ma vuole essere lui a “guidare”. Poi perché il progetto politico di una sponda moderata interna al Carroccio potrebbe rivelarsi un valore aggiunto non di secondo piano.

Carmelo Palombo, coordinatore provinciale della Lega, sta studiando la situazione. Alle Europee ci aveva fatto un pensierino anche lui. Fino a qualche giorno fa sosteneva pubblicamente che le notizie su Ottaviani e la Lega fosse «tutte invenzioni dei giornalisti». Ma a questo punto ha dovuto ammettere con se stesso che le cose non stanno così. E vuole capire bene la posizione di Nicola Ottaviani. Se è troppo “ingombrante” oppure no.

E il gruppo di Frosinone della Lega? Il coordinatore comunale Domenico Fagiolo, il capogruppo Enrico Cedrone e il consigliere Sara Bruni ostentano tranquillità. I consiglieri Giampiero Fabrizi e Maria Rosaria Rotondi, eletti nella Lista Ottaviani, si trovano in una situazione paradossale: sono andati via dalla civica per iniziare un nuovo percorso politico e adesso si ritrovano proprio il Sindaco tra i protagonisti. Una specie di ritorno al futuro. O al passato?

Molto diversa la posizione del vicecoordinatore cittadino della Lega Carmine Tucci, del consigliere Carlo Gagliardi e dell’assessore Rossella Testa. Loro tre provengono non soltanto da Cuori Italiani, ma da un lungo percorso politico con liste civiche di centrodestra. E Carlo Gagliardi potrebbe essere il prossimo candidato a sindaco di Frosinone. Proprio con l’imprimatur della Lega.

Carmine Tucci continua a rimanere concentrato sul profilo amministrativo al Comune di Frosinone, sulle cose da fare, sul sostegno all’Amministrazione Ottaviani. Ma pure naturalmente sull’impegno elettorale in vista delle europee e anche delle provinciali. Con un’impostazione civica.

E’ proprio questo l’aspetto che andrà monitorato nelle prossime settimane. In questo momento la Lega è un contenitore ampio. C’è la fila per salire sul Carroccio. Carmine Tucci la fila non l’ha fatta, ma vuole capire bene quali sono gli spazi per portare avanti un progetto amministrativo e civico.

Esattamente come Nicola Ottaviani.