Se i Fratelli d’Italia si preparano ad accogliere ex forzisti di matrice democristiana

Giorgia Meloni vuole sorpassare Berlusconi a destra e costruire la “seconda gamba” che doveva essere dell’Altra Italia. A livello nazionale l’operazione è partita. In provincia aderiranno a breve Antonello Iannarilli e Alessia Savo. Contatti anche con Pasquale Ciacciarelli e Rossella Chiusaroli. E potrebbe essere “corteggiato” perfino Mario Abbruzzese.

Nel corso dell’iniziativa “Sistema Italia” promossa da Fratelli d’Italia a Milano, Giorgia Meloni ha dichiarato di “essere ottimista” circa la possibilità di formare un “movimento che possa allearsi con la Lega” con l’obiettivo di dare all’Italia un Governo “capace di difendere l’interesse nazionale”. Dunque si parte.

E’ quella che in tanti definiscono la “seconda gamba” del centrodestra, che doveva essere rappresentata dall’Altra Italia, poi naufragata all’ombra di Silvio Berlusconi e Antonio Tajani. Doveva essere annunciata a Frosinone lo scorso agosto, (leggi qui Forza Italia addio: nasce L’Altra Italia di Berlusconi e parte da Frosinone) poi il colpo di scena. (leggi qui  Contrordine compagni, Berlusconi non fa più il nuovo Partito).

Dunque Giorgia Meloni ha deciso di sorpassare Silvio Berlusconi a destra e cercherà di farlo alle Europee. Fra i nomi di chi potrebbe aderire ad un movimento-ponte con Fratelli d’Italia ci sono quelli di due Governatori, Giovanni Toti (Liguria) e Nello Musumeci (Sicilia, che già fa riferimento a Fratelli d’Italia) e di un ex ministro dell’Interno come Roberto Maroni. Ma di questo progetto fanno già parte anche Raffaele Fitto, Alfredo Antoniozzi. Nell’orbita ci sono già un altro ex azzurro come Edoardo Sylos Labini ed il sindaco di Ascoli Guido Castelli. Insomma, c’è già molto “arrosto” oltre al “fumo”.

Anche in provincia di Frosinone Fratelli d’Italia si sta guardando attorno. L’ex parlamentare di Forza Italia Antonello Iannarilli e l’ex sindaco di Torrice Alessia Savo (“scaricata” dalla Lega dopo aver sfiorato l’elezione a consigliere regionale) sono ad un passo dall’ufficializzazione. E secondo alcune autorevolissime indiscrezioni sarebbe stato contattato il consigliere regionale di Forza Italia Pasquale Ciacciarelli.

C’è chi “scommette” pure su Rossella Chiusaroli, consigliere comunale di Cassino. Qualcuno ragiona a voce alta: “Ma se dovesse “passare” Ciacciarelli, Mario Abbruzzese che farebbe, andrebbe anche lui?”. Certo è che un’infornata di ex forzisti con matrice democristiana in Fratelli d’Italia allargherebbe la base elettorale del partito, ma al tempo stesso annacquerebbe la radici “dure e pure” che si rifanno in ogni caso ad An e prima ancora alla fiamma tricolore (intesa come simbolo). In questa provincia il senatore Massimo Ruspandini e il coordinatore politico Paolo Pulciani provengono da quel mondo. Come i ragazzi di Gioventù nazionale. I tempi però cambiano e Giorgia Meloni vuole portare il partito oltre il 4%. Perciò arrivano i democristiani.

C’è una frase latina, di Orazio, che dice: “Graecia capta ferum victorem cepit”. Significa: «La Grecia, conquistata (dai Romani), conquistò il selvaggio vincitore». Attenzione agli ex democristiani e forzisti.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright