Addesse e Papaevangeliu, l’altra Lega

La vittoria di Alatri lancia un modello di Carroccio vincente e “duro e puro” allo stesso tempo. Un elemento che il coordinatore Nicola Ottaviani dovrà considerare quando allestirà la lista per le provinciali.

Roberto Addesse e Kristalia Rachele Papaevangeliu non sono soltanto i volti nuovi nella giunta comunale di Alatri. Rappresentano anche i volti di una Lega di governo che si sta palesando anche in Ciociaria. Molto diversa rispetto all’impostazione democristiana del sindaco di Frosinone e coordinatore provinciale Nicola Ottaviani. Ma molto lontana anche dal profilo del consigliere regionale Pasquale Ciacciarelli.

Il deputato Francesco Zicchieri ha immediatamente lodato il risultato di Alatri, con un richiamo alla vecchia guardia. La Papaevangeliu nella Lega – Noi con Salvini c’è dall’inizio. Ha ricoperto il ruolo di responsabile politico provinciale, poi ha dovuto lasciare il passo a Fabio Forte. Ma in quel momento ha capito che doveva restare. Nella buona e nella cattiva sorte. Per poche settimane è stata senatore. Ma il salto è avvenuto qualche giorno fa con la nomina ad assessore all’Urbanistica.

Una Lega tante sensibilità

Il sindaco Cianfrocca con la sua giunta

In Ciociaria il Carroccio è un Partito in salute, ma si tratta adesso di… metterlo a sistema. Nel senso che esistono delle differenze enormi. Per esempio tra le posizioni del coordinatore regionale Claudio Durigon e quelle dei deputati Francesco Zicchieri e Francesca Gerardi. Per non parlare dell’oceano che separa Nicola Ottaviani e Pasquale Ciacciarelli.

Ora però c’è anche un modello Alatri. Il boom di preferenze di Roberto Addesse e il risultato di Kristalia Papaevangeliu sono lì a dimostrarlo.

Il 18 dicembre ci sono le Provinciali e la Lega vuole ottenere un risultato importante. Si tratta di mettere in campo una lista forte e rappresentativa delle diverse realtà. La sfida di Nicola Ottaviani è esattamente questa. Il Coordinatore provinciale dovrà dimostrare di saper tenere tutti all’interno del progetto.

I sindaci e la bandiera

Due anni fa il Carroccio non riuscì a presentare una lista completa e fece eleggere due consiglieri di Frosinone che però facevano parte di civiche. Parliamo di Igino Guglielmi (Polo Civico) e Andrea Campioni (Lista Ottaviani). Stavolta la Lega non può permettersi questo lusso. Occorrono amministratori di bandiera.

In realtà la partita in gioco è molto importante: dimostrare di avere più “truppe” di Fratelli d’Italia.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright