Le ambizioni di Toti e le strategie di Tajani. Ma la Carfagna non starà a guardare

Foto: © Imagoeconomica, Benvegnu' Guaitoli

Anche in provincia di Frosinone è cominciato il riposizionamento nel partito in vista delle primarie per il congresso nazionale. Tra certezze e scenari dati per scontati con troppa facilità potrebbero essere delle sorprese. E poi c’è sempre Claudio Fazzone

Mara Carfagna non è una che si accontenta di una candidatura di rappresentanza. E a questo punto perfino l’etichetta di essere un esponente del sud del partito le sta stretta. La Carfagna si giocherà tutte le sue carte per vincere il congresso di Forza Italia in autunno. Sia se lo stesso sarà con le primarie ponderate (votano soltanto gli amministratori e i gli iscritti), sia se invece ci sarà una vera e propria consultazione popolare.

Intanto però bisognerà aspettare lo snodo dell’elezione del prossimo presidente del Parlamento europeo. Antonio Tajani potrebbe puntare al bis, ma bisognerà vedere le strategie, gli equilibri e le prospettive. Considerando che anche Silvio Berlusconi, leader e fondatore di Forza Italia, è uno degli elementi di punta del Partito Popolare Europeo. E che, diversamente dagli anni passati, con Angela Merkel i rapporti sono molto migliorati. 

In ogni caso Berlusconi deciderà il da farsi, potrebbe fare il padre nobile, soprattutto se avesse un incarico istituzionale di prestigio. Giovanni Toti e Mara Carfagna dovranno interagire in questi mesi anche e soprattutto con Antonio Tajani. Oltre che con Maria Stella Gelmini e Anna Maria Bernini.

In Ciociaria le situazioni sono in evoluzione. Mario Abbruzzese e Pasquale Ciacciarelli, partecipando alla conferenza stampa congiunta con Adriano Palozzi e Antonello Aurigemma, di fatto si sono spostati sulle posizioni di Giovanni Toti. Con Antonio Tajani c’è Danilo Magliocchetti. E con Mara Carfagna? La risposta a questa domanda potrà aiutare a capire molte cose. Perché poi alla fine le primarie verranno comunque organizzate sui territori e i big locali avranno un loro ruolo.

In provincia di Frosinone potrebbero esserci delle sorprese. C’è anche Claudio Fazzone, senatore e coordinatore regionale. Il referente sul territorio è Gianluca Quadrini, vicecoordinatore regionale del Partito.  Non è affatto scontato che possa sostenere Giovanni Toti.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright