Cercasi aggregazione, disperatamente

Le trattative nel centrosinistra per costruire una coalizione unitaria da contrapporre al centrodestra di Roberto Caligiore. I veti incrociati. Il timore di non aggregare abbastanza. Manca ancora il nome unitario.

Romano Castellano Sindici

Conte del Sacco (ma non inquinato)

Giurano che sua andato a sondare il terreno. Ma non lo abbia trovato né solido né consistente. Il racconto vuole che qualche sera fa l’ex sindaco socialista Antonio Ciotoli sia andato personalmente a tastare l’agibilità della strada che passa per il farmacista Gianni Querqui ex candidato sindaco e consigliere del Pd. Per verificare se sia possibile costruire con lui uno schieramento da contrapporre al fronte di centrodestra guidato da Roberto Caligiore.

Il dottor Gianni Querqui

Stavolta però il dottor Querqui ha deciso che non sarà personalmente della partita. Potrebbe scendere in campo suo figlio Andrea. Ma ancora non è chiaro con chi. Forse con i Cives dell’ex segretario Pd Manuela Piroli. Forse con l’avvocato Mauro Roma. Una cosa è certa: non andrà con Antonio Ciotoli e nemmeno con Maurizio Cerroni, già sindaco Pd per due mandati. La sintesi dell’incontro è stata questa.

Più probabilmente, i Querqui staranno ai box. Convinti anche loro che non sia utile partecipare alla Corsa per la sopravvivenza: concorrere al consiglio comunale per eleggere poi in Aula il solo candidato sindaco e basta (leggi qui tutti i dettagli su La corsa alla sopravvivenza che rende difficile la mediazione di Alfieri).

Manuela Piroli non molla e anche ieri pomeriggio è stata vista davanti la storica farmacia a parlare con Gianni.

Il fronte Corsi

Sul fronte di Marco Corsi continuano sempre più intense le trattative di Tonino Aversa. Anche lui preoccupato di ritrovarsi catapultato dalla corsa per il governo alla Corsa per la sopravvivenza. Nel pomeriggio di sabato è stato visto da Zambardino in compagnia di Emanuele Colapietro cugino di Marco Corsi e funzionario comunale. Con loro c’era Giacinto Massa, discusso segretario e uomo di fiducia del sindaco. Figura che andò allo scontro spesso con Aversa ed il suo assessore Arianna Moro nella scorsa consiliatura.

Marco Corsi

Anche su questa sponda si tasta il terreno. L’obiettivo principale è una grande aggregazione di centro intorno al nome di Marco Corsi. Ma nel caso in cui dovesse saltare e non si riuscisse ad aggregare abbastanza forze contrare al centrodestra?

C’è chi sostiene che siano stati mandati nuovi timidi segnali per valutare una ricomposizione con il sindaco uscente. Veri o falsi che siano, resta il veto imposto da Caligiore: nessuna collaborazione con coloro che hanno firmato la caduta anticipata della sua amministrazione. La porta per Corsi e Aversa resta chiusa.

Il fronte Battista

L’ex sindaco socialista Manuela Maliziola pare sia orientata su Sandro Battista, candidato dissidente (termine molto in voga) e fuori dal Pd.

Non tutti sono convinti che l’operazione sia destinata ad andare in porto. Alcuni sostengono che in realtà sia un gioco dell’ex sindaca: appoggiare un potenziale candidato che ha intorno un’aggregazione evidentemente troppo debole e poi dirgli “beh io ti ho sostenuto, non è andata in porto la tua candidatura. Ora tu aiuta me e vediamo se va in porto la mia”.

Nuova vita viene data ormai su Mauro Roma. Il punto è che oltre ai soliti nomi non si va, alcuni dei candidati di cinque anni fa hanno declinato dicendo di avere difficoltà a ricomporsi sullo schema della precedente esperienza. Non a tutti vanno a genio le scelte fatte.

La cena della Lega

Il centrodestra ha chiuso sul nome di Roberto Caligiore e ora pensa alla campagna elettorale. L’altra sera sera al ristorante la Cantinella si è tenuta una cena della Lega. Angelo Macciomei, Stefano Gizzi, Colombo Liburdi chiudono la pattuglia degli uscenti che concorreranno col Carroccio.

Il senatore Gianfranco Rufa Foto: © Imagoeconomica, Paola Onofri

A loro si unisce Irene Giovannone, la donna più votata cinque anni fa nella lista di Marco Corsi. È un altro colpo alla compagine dell’ex presidente del Consiglio Comunale Corsi che in estate ha determinato la crisi ed ora si gioca le carte di un’aggregazione intorno al suo nome, da contrapporre a l centrodestra.

A battezzare la lista è stato il senatore Gianfranco Rufa. È solo il primo passo di una strategia delle iniziative che arriverà fino all’apertura ufficiale della campagna elettorale.

Gli annunci ufficiali dei Partiti sono attesi per domenica 22. A quella data è fissata la conferenza stampa del Centrodestra con segretari ed eletti. Ci sarà anche Forza Italia rappresentata dal responsabile del collegio Adriano Piacentini. Per la prima volta è attesa la presenza di Gianluca Quadrini: il vice coordinatore regionale del Partito è stato sdoganato a Ceccano dall’onorevole Francesca Gerardi nel corso dell’incontro avvenuto l’altra mattina a Pontecorvo..

Nel frattempo Federica Aceto, consigliere comunale uscente di FDI, organizzerà come ogni anno la raccolta di solidarietà “L’altro Natale” davanti tutti i supermercati del paese in favore delle famiglie meno fortunate. Sabato 21 invece la lista di Riccardo Del Brocco, inaugurerà il proprio comitato elettorale come promesso durante l’iniziativa Il sasso nello stagno. Taglio del nastro, presentazione del simbolo, apertura della sede, un brindisi per gli auguri con il sindaco ed i candidati. (leggi qui Del Brocco, prove generali da candidato sindaco).

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright