Guerra ‘fratricida’ per la candidatura, Ernesto vuole riprovarci ma Valter dice no

Elezioni a Sora. Valter Tersigni tenta l’accordo con Luca Di Stefano chiedendogli di fare una lista a sostegno Di Eugenia Tersigni. Lui rifiuta. Ed è scontro tra fratelli. Perché anche Ernesto ci vuole riprovare. Con l’intermediazione del Polo Civico.

Maurizio Patrizi

Rem tene, verba sequentur

Contava sul fatto che Luca Di Stefano ormai fosse libero da impegni politici dopo aver abbandonato la Lega. E gli ha organizzato un incontro con i fratelli Ernesto e Valter Tersigni: il primo già sindaco, il secondo già aspirante consigliere Regionale. L’intento: individuare con loro un accordo in vista delle prossime elezioni comunali di Sora. Un incontro nel quale proporre la candidatura del già sindaco Ernesto Tersigni al posto di Eugenia, esordiente individuata nelle settimane scorse. (Leggi qui Eugenia pensa se fare il sindaco: ma senza primarie).

L’intermediario è Stefano Bifera. E il suo intento emerge chiaramente dal confronto, avvenuto proprio a casa sua.

Il ruolo di Bifera

Stefano Bifera

Ma chi è Stefano Bifera?  Nel 2016 si è candidato in una delle liste a sostegno di Ernesto Tersigni. Da qualche mese è coordinatore cittadino del Polo Civico a Sora, il movimento nato a Frosinone su ispirazione di Gianfranco Pizzutelli.

Movimento che nel capoluogo ha il Gruppo consiliare più numeroso. si batte per affermare il ruolo centrale delle realtà locali e delle persone, attraverso un sostanziale superamento dei partiti.

E’ stato proprio lui a organizzare l’incontro che si è tenuto l’altro sabato, nel primo pomeriggio. Erano presenti Valter ed Ernesto Tersigni e Luca Di Stefano. Stando alle indiscrezioni trapelate non ci sarebbe stato molto da dire. Dopo l’abbandono di Di Stefano hanno tastato il polso per verificare se potesse esserci la possibilità di un accordo elettorale.  (leggi qui Di Stefano l’ha fatto: addio Lega, ora è Made in Sora)

La proposta indecente

Ad arrivare al dunque è stato Valter Tersigni. Ormai non è più un segreto che da mesi sta lavorando alla candidatura a sindaco di Eugenia Tersigni. Lo sta facendo insieme al già vicesindaco di Ernesto, Andrea Petricca e ad altri attivisti politici della città. (Leggi qui Eugenia pensa se fare il sindaco: ma senza primarie). Eugenia Tersigni sta ancora sondando il terreno. In pratica prima di sciogliere la riserva vuole pesare la consistenza del sostegno.

Eugenia Tersigni

Durante l’incontro Valter Tersigni ha chiesto a Luca Di Stefano di fare un passo indietro. Di rinunciare alla candidatura a sindaco per comporre «una lista a sostegno di Eugenia». Per lui si sarebbe valutato un altro ruolo altrove. La risposta di Luca è stata No.

Il consigliere comunale di minoranza, fino a qualche giorno fa capogruppo consiliare della Lega, sta lavorando a un progetto civico. Progetto il più possibile sganciato da persone che rappresentano i Partiti coinvolti nell’attuale maggioranza consiliare. Un progetto che potrebbe vedere proprio lui in prima linea.

L’idea di rinunciarvi a prescindere, senza nemmeno un margine di trattativa, non ha messo Di Stefano nemmeno nella condizione di prendere in considerazione la proposta.     

Il tifo per Ernesto

Proprio in quella sede il coordinatore di Polo Civico ha esternato tutto il proprio apprezzamento per l’ex sindaco Tersigni. Lo ha fatto spingendo palesemente per una sua ricandidatura. E questo sarebbe il vero motivo per cui si è offerto di fare da tramite.

In buona sostanza anche Ernesto Tersigni si sta giocando le carte per rimettersi in pista. Nonostante lo neghi ad ogni occasione.

Ernesto Tersigni

A confermare l’incontro è proprio Bifera. «Non ho intenzione di rilasciare alcuna dichiarazione» mette le mani avanti. «Parlerò quando sarà il momento». E aggiunge: «In questo momento stare dentro i Partiti significa fare il loro gioco».

Ha incontrato i fratelli Tersigni e Luca Di Stefano?

«Non confermo e non smentisco. Incontro tutti se ciò è utile per il bene di Sora. Ho provato nel mio piccolo a ricompattare persone ma ognuno tira l’acqua al proprio mulino. Per il momento sto con le spalle al muro e vado avanti. Poi si vedrà …».

Chiaro il concetto: ci ha provato ma non ci è riuscito.

Spaccatura in famiglia

Il tifo di Bifera proprio durante la riunione non sarebbe bastato a ricomporre la frattura politica tra fratelli. Da un lato Valter che, sul nome di Eugenia, spinge ma ancora non sfonda. Dall’altro Ernesto che vuole tentare il ter, dopo il quinquennio da sindaco e il tentativo di bis andato male nel 2016. Gli assist del coordinatore di Polo Civico sono serviti a poco.

VALTER TERSIGNI

Valter, a proposito di suo fratello, avrebbe detto a chiare note che lo vede perdente. E non sarebbe la prima volta che lo fa.

Già nei giorni precedenti l’incontro a casa di Bifera avrebbe affermato pubblicamente una cosa. Cioè che «quelli di Ernesto Tersigni e Luca di Stefano sono nomi troppo pesanti perché già bruciati». Confermando così la sua idea che quello attorno al nome di Eugenia è un progetto valido.

Ad annunciarla ci ha pensato ancora una volta Bifera. «A metà mese si scopriranno le carte» ha detto dopo aver ribadito di non voler rilasciare dichiarazioni. «Ad oggi l’unica che ha dato disponibilità a candidarsi a sindaco è Eugenia Tersigni. Luca Di Stefano invece sarebbe anche disponibile a fare un passo indietro se ci fosse un’altra figura valida. Lui andrebbe a ricoprire altri ruoli».

In buona sostanza a metà dicembre «potrebbe esserci uno stravolgimento tale che i due nomi spariranno». Dal tavolo delle trattative per la candidatura a sindaco ovviamente. E cioè si conta su un cambiamento della situazione che possa spianare la strada a Ernesto Tersigni.

Ma Luca Di Stefano starebbe già guardando altrove. Almeno per adesso.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright