Quadrini va alla guerra contro Gerardi e Maura, il centrodestra non c’è più

Il vicecoordinatore regionale di Forza Italia si muove in maniera politicamente spregiudicata: nel mirino i Fratelli d’Italia ma pure la Lega. Oltre che Cambiamo. Dopo il Cosilam e la Consulta d’Ambito adesso il terreno di scontro potrebbe essere il Comune di Sora. Però sabato sarà in piazza San Giovanni a sentire il Capitano Matteo Salvini.

Gianluca Quadrini, vicecoordinatore regionale di Forza Italia, sabato sarà a piazza San Giovanni a Roma, per partecipare alla grande manifestazione di piazza voluta dalla Lega. Con lui tantissimi esponenti del centrodestra provinciale. Ma guai a trarre conclusioni affrettate, perché sul piano strettamente locale non cambia assolutamente nulla.

In Ciociaria Quadrini sta dettando una linea durissima di Forza Italia, quasi intransigente. D’accordo con il senatore e coordinatore regionale Claudio Fazzone evidentemente, ma destinata ad allargare ulteriormente il solco della coalizione.

Francesca Gerardi, Daniele Maura, Gianluca Quadrini © IchnusaPapers

Quanto è successo nelle ultime settimane è indicativo. Strategia comune con il Pd e con il sindaco di Cassino Enzo Salera per costringere alle dimissioni da presidente del Cosilam di Mario Abbruzzese, leader regionale di Cambiamo e fino a pochi mesi fa di Forza Italia. (leggi qui). Scontro frontale all’Amministrazione Provinciale con Fratelli d’Italia e con Daniele Maura, accusati da Quadrini di essere la quinta gamba del tavolo del Partito Democratico. E di stroncare sul nascere ogni possibilità di dialogo per ricostruire il centrodestra. (leggi qui). In sede di rinnovo della Consulta d’Ambito Quadrini si è “inventato” la formula del sorteggio e in questo modo ha estromesso dai giochi il sindaco di Settefrati Riccardo Frattaroli, favorito l’elezione di Ornella Carnevale (Pico), che sta al centrodestra come Veltroni stava alla Fiamma Tricolore e determinato la conferma di Antonio Corsi (Sgurgola). (leggi qui).

Lo ha fatto apposta per far vedere che può dare le carte. Nella difficile partita del Comune di Sora Gianluca Quadrini potrebbe essere decisivo per provare a salvare il sindaco Roberto De Donatis. (leggi qui). Esattamente come il presidente della Provincia Antonio Pompeo. Insomma, Gianluca Quadrini sta facendo il battitore libero dopo aver tentato di riunire la coalizione di centrodestra con una serie di appelli caduto nel vuoto.

Francesco Zicchieri, Mario Abbruzzese, Massimo Ruspandini: © IchnusaPapers

In questo momento c’è una forte contrapposizione tra Forza Italia e la Lega di Francesca Gerardi. La parlamentare e responsabile provinciale del Carroccio è su tutte le furie per le scelte di Forza Italia e non vede l’ora di ribaltare definitivamente il tavolo. (leggi qui). Pure Daniele Maura, consigliere e capogruppo provinciale di Fratelli d’Italia, ha il dente avvelenato nei confronti di Quadrini e non ha mancato di riferire nei minimi dettagli le scelte “azzurre” al senatore Massimo Ruspandini (Fratelli d’Italia), alle prese in questi giorni con la difficile situazione del Comune di Ceccano. A proposito: Quadrini non ha mancato di far sapere che a suo giudizio il dimissionamento di Roberto Caligiore è stato un suicidio politico vero e proprio.

Benzina sul fuoco. Il centrodestra non c’è più in Ciociaria. Le intese nazionali potranno avere effetti fino ad un certo punto.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright