Elisa Ferazzoli

Il vero senso di essere una squadra

Non si vedeva da anni un Frosinone come quello sceso in campo contro il Chievo. È la dimostrazione che aveva ragione, ancora una volta, il presidente Stirpe: non c’era bisogno di uomini nuovi ma di una guida tecnica in grado di motivare. E creare il senso di squadra.

2 Condivisioni

Eppur si critica (di E. Ferazzoli)

Nonostante la vittoria rotonda, la partita giocata con convinzione, c’è chi fatica a godersi il risultato del Frosinone. La perplessità per Novakovich non ancora inserito nei meccanismi. E che ora Nesta cercherà di affiatare

2 Condivisioni

Non solo ex (di E. Ferazzoli)

Non è stata solo una partita di ex. Cremonese – Frosinone è stato un match che ha messo in luce evidenti progressi. L’identità sta venendo fuori. A piccoli passi.

2 Condivisioni

Un giocatore lo vedi dal coraggio (di E. Ferazzoli)

Un campione si riconosce dal coraggio. Anche quello di calciare un rigore in un giorno molto particolare. Lo stadio sarebbe un luogo migliore se invece di giudicare dai numeri sulle magliette pensasse alle storie degli uomini che le indossano

2 Condivisioni

La felicità in un punto

Vista dalla curva. Archiviata la partita, restano le emozioni. Di una gara, fatta di uomini che stringono i denti, applicando schemi, corrono senza sosta. All’Arechi tutto questo il Frosinone lo ha fatto vedere. E vale più di un punto

2 Condivisioni