Elisa Ferazzoli

Bentornato uomo libero (di E. Ferazzoli)

Così Frosinone ricostruisce gli uomini. Ma Salvini (e Alfano) non lo sanno. Storie di integrazione che funziona. Di progetti applicati ai migranti. Che così diventano uomini liberi. La diffidenza degli operatori. La rabbia scambiata per ingratitudine

2 Condivisioni

Mentalità vincente cercasi (di E. Ferazzoli)

Non è tanto il risultato a deludere. Ma l’arrendevolezza della squadra scesa in campo. Negarlo è nascondere l’evidenza. Perché questi tifosi applaudono anche il Frosinone che retrocede: ma solo se ha la maglietta zuppa di sudore e fango

2 Condivisioni

Perché a volte la vera vittoria è quella che fa battere il cuore (di E. Ferazzoli)

Non è dai punti persi a San Siro che passa il discorso salvezza. Perché nonostante i limiti del caso, non si è trattato né di una gara scontata né della “classica goleada” che ti fa guardare il cronometro supplicandolo di accelerare. Il Frosinone aveva già vinto prima di scendere in campo. Perché…

2 Condivisioni

Quella consapevolezza di meritare la vittoria che vale più dei tre punti (di E. Ferazzoli)

Il pareggio del Frosinone a Parma è stato l’occasione per altre critiche. Sbagliate. Perché quel punto difeso al Tardini con le unghie e con i denti vale tantissimo in termini di serenità, consapevolezza e coraggio. E se qualcosa fosse andato storto, quelle stesse scelte sarebbero apparse avventate.

2 Condivisioni

Niente di nuovo a parte Daniel (di E. Ferazzoli)

L’ultima partita disputata dal Frosinone ha mostrato fin dove può arrivare questa squadra. Mettendo a nudo il motivo che ha spinto a decidere per il ritiro: la necessità di amalgamare. Perché è l’animo, non il cielo, a dover cambiare. Anche se restano le irragionevoli costanti

2 Condivisioni