Vincere le comunali per ottenere una candidatura

Francesco De Angelis, Mauro Buschini, Sara Battisti, Antonio Pompeo, Massimo Ruspandini, Nicola Ottaviani, Claudio Fazzone, Gianfranco Rufa, Francesca Gerardi, Pasquale Ciacciarelli: nessuno può permettersi di perdere le amministrative di primavera.

Le prossime elezioni comunali saranno un test per misurare il peso politico di chi successivamente dovrà essere candidato alle politiche o alle regionali. E’ ormai chiaro che l’unità vera e sistematica non ci sarà in nessuno dei due principali schieramenti. E se Alatri e Sora sono indubbiamente i Comuni più grandi e strategici interessati dalla tornata amministrativa, dappertutto i diversi big cercheranno di capire su quale “zoccolo duro elettorale” potranno contare. A cominciare dal presidente del consiglio regionale Mauro Buschini, il quale ha l’obiettivo di “tenere” Alatri, la sua roccaforte.

Sarà Zingaretti a decidere

Zingaretti, De Angelis e Buschini

Sarà quello il punto di partenza per le successive scelte. Non è scontata la ricandidatura alla Regione, perché la prossima volta sarà Nicola Zingaretti a decidere le candidature parlamentari del Pd. Esattamente come ha fatto Matteo Renzi nel 2018. E Mauro Buschini fa parte della ristrettissima cerchia dei fedelissimi fra i fedelissimi. Lui non vuole ma se Zingaretti lo chiama a scendere in campo per la Camera, Buschini non potrà che rispondere “obbedisco”.

Stesso discorso per Sara Battisti, che però non è una fedelissima di Zingaretti. Però anche lei potrebbe essere tenuta in considerazione per entrambe le opzioni. Fermo restando che c’è sempre un certo Francesco De Angelis, al quale sarà riservata la prima scelta: Parlamento, Regione o… il super Consorzio Industriale del Lazio. Senza dimenticare il presidente della Provincia Antonio Pompeo, il quale potrebbe in ogni caso concorrere per le Regionali.

Nuove alleanze Comunali

Nel centrodestra il senatore Massimo Ruspandini (Fratelli d’Italia), dopo aver conservato la roccaforte di Ceccano, punta ad … espandersi. A Sora per esempio. Quanto successo ieri potrebbe rappresentare un indizio importante che va nella direzione di un certo asse di ferro, nella prospettiva delle candidature, con il senatore Claudio Fazzone, coordinatore regionale di Forza Italia. La riforma dei collegi di fatto ha già “unito” le province di Frosinone e Latina. (Leggi qui Elezioni: Alatri verso la quadra, a Sora il re è nudo).

Francesco Zicchieri, Massimo Ruspandini e Claudio Fazzone

La Lega non starà a guardare. Non staranno a guardare il coordinatore provinciale Nicola Ottaviani, il responsabile Organizzazione e consigliere regionale  Pasquale Ciacciarelli, il senatore Gianfranco Rufa e la deputata Francesca Gerardi. Non staranno a guardare neppure i deputati Claudio Durigon e Francesco Zicchieri.

Perciò l’esito delle prossime comunali sarà importante nella chiave delle candidature che verranno.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright