Matteo Salvini

Tajani carica gli “azzurri”: “Nostro contributo fondamentale”

Il coordinatore nazionale ha riunito i vertici di Forza Italia lanciando la volata: “Abbiamo messo in campo la nostra classe dirigente migliore e nel centrodestra saremo decisivi”. La scossa dopo la lettera con la quale Silvio Berlusconi ha rifiutato la perizia psichiatrica. E in Ciociaria riflettori su Alatri e Sora.

Maretta tra i ‘romani’ sul dopo Durigon

Maretta sulla sostituzione di Claudio Durigon come sottosegretario. I ‘nordisti’ della Lega vogliono un nome dei loro; i ‘romani’ chiedono un laziale. Il tentativo di mediazione su Freni. Che per alcuni sarebbe già bruciato

Lo strano caso di mister Quota 100

Claudio Durigon è finito nel mirino di Giorgetti e Zaia e potrebbe pagare un risultato elettorale negativo nel Lazio, soprattutto a Roma. Lui è un fedelissimo di Salvini e smentisce ipotesi di passaggio a FdI. Ma se nel Carroccio il Capitano dovesse perdere la leadership, allora Durigon non starebbe a guardare. Intanto in Ciociaria nessuno lo ha difeso.

Salvini, il Vaticano e la profezia di Ottaviani

Il Capitano ricevuto Oltre Tevere. L’allargamento al centro e il dialogo con il mondo ecclesiastico rappresentano una strada obbligata. Il sindaco di Frosinone lo aveva intuito in tempi non sospetti e ora potrebbe avere il via libera per una sorta di “laboratorio”. Magari proprio in occasioni delle amministrative nel capoluogo.

Il Quirinale e l’asse sovranista. Alla fine arriva… Renzi

Il leader di Italia Viva definisce l’operazione che ha portato Mario Draghi a Palazzo Chigi il suo capolavoro politico. E lo fa proprio mentre si rinsalda l’asse sovranista tra Meloni e Salvini. Alla vigilia di una stagione decisiva. Può ancora essere decisivo. A sinistra.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright