M5S

L’unica salvezza dei Cinque Stelle sono le comunali

A livello nazionale è iniziata la drammatica resa dei conti tra Luigi Di Maio e Giuseppe Conte. Il Movimento è sempre più irrilevante. Per questo potrebbe decidere di rimettersi in moto iniziando dai livelli più bassi. Come le comunali. A Frosinone ci sono delle praterie a sinistra. Ma i 5 Stelle si sono frantumati

La nuova rivolta M5S parte dal Lazio

Nuova scissione nel Movimento 5 Stelle. Ancora una volta parte dal Lazio. La consigliera regionale Francesca De Vito anima il progetto ‘Parola agli attivisti’. Il 3 settembre la presentazione del simbolo e del progetto politico

L’eredità di Casaleggio che schiaccia i 5 Stelle di Conte

Il 12 aprile l’evento per ricordare il confondatore del Movimento. Ci saranno Beppe Grillo, Antonio Di Pietro e Alessandro Di Battista, parlerà Rocco Casalino. Ma soprattutto c’è attesa per le scelte di Davide Casaleggio. I pentastellati possono davvero fare a meno del profilo digitale e tecnologico della piattaforma Rousseau?

Roberta Lombardi prova a fermare la “slavina” M5S

Tocca proprio all’incendiaria dello streaming contro Bersani cercare di arginare lo scontento della base mentre i “duri e puri” lanciano l’opa sul Movimento. Neppure Beppe Grillo è riuscito a fermarli. Ma perché la Lombardi non ha mai fatto l’accordo formale con Zingaretti?

Da Casaleggio (Gianroberto) a Casalino: la metamorfosi M5S

Non ci sono più tracce dei “duri e puri” all’interno dei Cinque Stelle. Sono diventati tutti situazionisti. Beppe Grillo è sparito, Luigi Di Maio arretrato, Alessandro Di Battista mai pervenuto davvero. Oggi a dare le carte sono Roberto Fico e Vito Crimi. Ma se Giuseppe Conte ottiene il terzo mandato diventerà lui l’intoccabile. E il simbolo di questa fase è il portavoce del premier.

La notte della politica: oltre la fuffa il nulla

Fuffa e poco altro. Un governo così debole può affrontare gli impegni che ha di fronte? L’Italia è tra le 4 realtà peggiori al mondo nel rapporto contagi / decessi. Non sta andando tutto bene. Non arrivano segnali concreti

Il pressing di Zingaretti che ha messo all’angolo Conte

Per l’intera giornata di ieri il segretario nazionale del Pd e presidente della Regione Lazio ha tenuto altissima la pressione sul Governo per il decreto sul Natale. Ma adesso l’offensiva continua per Recovery Fund e Mes. Al Nazareno non ne possono più del due Giuseppe Conte-Rocco Casalino.

Mes o non Mes il Pd di Nicola Zingaretti stavolta è al bivio

Nel Partito Democratico c’è la consapevolezza che l’esperimento è fallito, che mai potrà esserci una vera alleanza con i Cinque Stelle. E tanti ministri non ne possono più della subalternità a Conte e Di Maio. In questo quadro il segretario non può rischiare il logoramento.

error: Attenzione: Contenuto protetto da copyright